Covid, stime UE: quasi 6 italiani su 10 vaccinati entro giugno

La corsa al vaccino Covid, stime UE: quasi 6 italiani su 10 vaccinati entro giugno, poco superiori i dati di Germania e Francia.

(Chung Sung-Jun/Getty Images)

Almeno trenta milioni di italiani verranno vaccinati contro il Coronavirus entro giugno: queste sono le stime dell’Unione Europea emerse oggi alla riunione degli ambasciatori e relative agli ordini sicuri finora effettuati dai vari Paesi. La copertura vaccinale nel nostro Paese dovrebbe raggiungere a fine giugno il 57,14% della popolazione residente, di poco superiori le stime di Francia e Germania.

Leggi anche –> Prenotazione vaccini | come funziona la piattaforma di Poste Italiane

Questi Paesi, infatti, sono rispettivamente al 58,16% e al 61,04%. L’Italia è dunque in perfetta media UE, mentre le nazioni che corrono più velocemente sono Malta (93,10%) e Danimarca (79,88%). Fanalino di coda, con una copertura intorno al 45%, sono invece la Repubblica Ceca e la Bulgaria. Di fatto, il nostro Paese nei prossimi tre mesi dovrà fare quello che non ha fatto finora: poco più di 10 milioni sono le dosi vaccinali somministrate.

Leggi anche –> Vaccini Lombardia, dal 2 aprile 75-79 anni: tutto il calendario fino a luglio

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Vaccinati Covid: la sfida italiana ed europea, i dati attesi da tutti

Lombardia vaccini

Ma la sfida non riguarda soltanto il nostro Paese, come viene indicato oggi dall’Unione Europea nelle stime che vengono fatte, ma l’intero Vecchio Continente. La Commissione Ue punta a vaccinare il 70% degli adulti europei entro agosto: non è una chimera, ma si tratta di una possibilità reale se si guarda ai dati a disposizione finora, anche per quanto concerne le prenotazioni di vaccini. Bisognerà decuplicare l’impegno: a oggi in Italia solo 3,2 milioni di persone hanno ricevuto non solo il vaccino, ma anche il richiamo.

E da diverse Regioni arrivano gli allarmi: l’assessore regionale alla Sanità Alessio D’Amato ospite di “Un giorno da pecora” su Rai Radio1 ad esempio ha denunciato il ritardo nella consegna delle dosi vaccinali di AstraZeneca. Infatti, i vaccini invece che venerdì arriveranno sabato: in un momento in cui la campagna vaccinale sembra entrare nel vivo, anche 24 ore di ritardo possono pesare e non poco. Si deve infatti considerare che sono sette milioni gli italiani in attesa del richiamo vaccinale.

Prenotazione vaccini