Jessica Pulizzi, chi è la sorellastra di Denise Pipitone: fu assolta al processo

Jessica Pulizzi è la sorellastra di Denise Pipitone, la bambina scomparsa a Mazara del Vallo ormai molti anni fa. Ecco tutto quel che c’è da sapere su di lei.  

La sorellastra di Denise, Jessica Pulizzi, era stata accusata di averla rapita per gelosia perché l’odiava. Ma è stata assolta anche in Cassazione. Secondo i giudici contro di lei c’erano indizi ma nessuna prova certa. Conosciamola più da vicino.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

L’identikit di Jessica Pulizzi

Il nome di Jessica Pulizzi finì su tutti i giornali nel 2017: è in quell’anno infatti che la figlia del padre biologico di Denise Pipitone, Piero Pulizzi, venne indagata. La ragazza, all’epoca 17enne, fu accusata di aver fatto rapire Denise per motivi di gelosia. A tradirla sarebbe stata un’intercettazione pochi giorni dopo la scomparsa della piccola. Nella sua casa furono istallate alcune cimici. “Io a casa ci ’a purtai” (Io a casa gliela portai), disse alla madre che le chiedeva dov’era il primo settembre, quando scomparve Denise.

Secondo l’accusa, Jessica parlava di Denise e del fatto che l’aveva presa e portata a casa del padre per avere da lui la conferma che la bimba fosse davvero sua figlia. Non trovandolo avrebbe consegnato la bambina a qualcun altro. Da qui il rinvio a giudizio per sequestro di persona.

Leggi anche –> Denise Pipitone, le prime parole di Olesya: “Mammina mia non ti ho dimenticato”

Interrogata in merito, la ragazza non convinse gli investigatori perché il tabulato telefonico segnalava che nelle stesse ore in cui Denise scompariva lei si trovava nella zona del sequestro. L’ipotesi che dunque prese campo fu quella che Jessica avesse materialmente rapito Denise per poi consegnarla a un gruppo di nomadi che magari conosceva. Per lei furono richiesti 15 anni di carcere. Ma dopo anni di indagini e tre processi Jessica fu assolta per mancanza di prove e per non aver commesso il fatto.

Leggi anche –> Denise Pipitone, l’accusa della mamma: “16 anni di silenzi e vigliaccheria”