Denise Pipitone, test del Dna alla donna russa: la reazione della mamma

Passano gli anni, ma la madre di Denise Pipitone e lo staff di Chi l’ha visto? continuano a cercare e, forse, siamo finalmente alla svolta

Denise Pipitone

Nonostante siano passati oramai 17 anni da quando Denise Pipitone è scomparsa, quel giorno di settembre nel 2004, il programma televisivo Chi l’ha visto?, condotto da Federica Sciarelli non ha praticamente mai smesso di cercare. Nella puntata di stasera, la trasmissione ha deciso di tornare sull’argomento concentrandosi su una ragazza in Russia che sta cercando la propria madre. La giovane, di nome Olesya Rostova, ha lanciato un appello in televisione qualche tempo fa dicendo di stare cercando la propria madre. La prima a pensare che la ragazza misteriosa potesse essere Denise è stata un’infermiera russa che vive in Italia da vent’anni. Olesya ha circa 20 anni e, cosa assai sconvolgente, assomiglia molto a Piera Maggio, madre della bambina scomparsa nel 2004.

Potrebbe interessarti leggere anche –> Denise Pipitone, chi è il papà Piero Pulizzi: il suo ruolo nella vicenda

La mamma di Denise Pipitone si muove con i piedi di piombo

Le parole pronunciate dalla conduttrice Federica Sciarelli a inizio puntata scaldano il cuore, ma ricordano comunque di mantenere i piedi ben ancorati al terreno perché, al momento, non ci sono prove. “Troppo bello per essere vero, l’ho detto e lo ripeto. Massima cautela. Perché questa attenzione? Credo ci sia la voglia di avere una buona notizia, la gente si chiede ‘ma può finire bene una storia?’“. Durante la puntata, in cui si è collegata la stessa madre di Denise Pipitone, è stato rivelato che Olesya Rostova è stata sottoposta al test del DNA, che verrà analizzato e messo a confronto con quello dei genitori di Denise.

Potrebbe interessarti leggere anche –> Piera Maggio, chi è la mamma di Denise Pipitone: la sua storia

Piera Maggio, sebbene non abbia mai perso le speranze, vuole giustamente andarci molto piano prima di prendere decisioni affrettate. Durante la trasmissione rassicura di non aver prenotato un posto sul primo volo per Mosca e afferma: “Vogliamo rimanere con i piedi per terra, cautamente speranzosi ma senza illuderci più di tanto. Le segnalazioni passate ci hanno insegnato che le illusioni non portano a nulla: chiederemo l’esame del Dna, l’unica soluzione per fugare ogni dubbio. Vogliamo ringraziare chi ci sta vicino, ci fa capire quanta gente amano Denise e non l’hanno mai dimenticata“. A questo punto non resta che aspettare i risultati del test e tenere le dita incrociate per Piera Maggio e la sua famiglia.

Denise Pipitone e mamma