Beppe Signori assolto dopo la gogna mediatica: “Il fatto non sussiste”

Ancora una vittoria importante per l’ex attaccante di Lazio e della Nazionale italiana, Beppe Signori: assoluzione totale

Beppe Signori

Ancora una vittoria per Beppe Signori, ma questa vale molto di più. L’ex attaccante di Lazio e Bologna, oltre ad essere un punto fermo della Nazionale italiana ad inizio anni Novanta, è stato assolto dalla giustizia proprio da tutte le accuse mosse contro di lui per quanto riguarda il Processo sul calcioscommesse. Lui era uno tra i principali imputati ricevendo l’assoluzione totale per ‘filone di Piacenza‘, visto che il “fatto non sussiste”, ma anche per il ‘filone Modena‘ è riuscito a conquistare un risultato importante.

Leggi anche –> Che fine ha fatto Beppe Signori, il silenzio dopo l’arresto e lo scandalo

Beppe Signori, tutta la verità

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Così lo stesso Signori può esultare proprio in memoria dei vecchi tempi, gloriosi sul terreno di gioco: “Sono trascorsi dieci lunghi anni che nessuno mi restituirà più, ma sono un combattente nato e oggi ho vinto. La prescrizione? Avrei potuto chiederla ma avrebbe lasciato un’ombra su tutto ciò che io e il mio avvocato non volevamo lasciare senza risposte e siamo riusciti a ottenere il massimo”.

Leggi anche –> Beppe Signori, il post spaventa i fan: “Io ed il mio cuore ringraziamo i dottori”

La dura vita è iniziata nel 2011 quando il Processo sul calcioscommesse lo vedeva imputato per tre gare: Piacenza-Padova del 2010 e per Modena-Sassuolo e Modena-Siena del 2011, con accuse di corruzione e manipolazione dei risultati. Così l’avvocato dell’ex calciatore della Nazionale ha rivelato:  “E’ un finale che chiude la bocca a tutti, non ammette repliche, non permette ci siano ammiccamenti o sorrisetti”. Infine, ha concluso: “Soprattutto chi lo ha lapidato oggi deve stare zitto: in modo equivocabile Signori non ha mai fatto nulla di illecito, mai”.

Beppe Signori