Enrico Vaime, chi era l’autore e conduttore tv morto a 85 anni: la sua storia

Enrico Vaime, uno dei più prolifici autori di programmi televisivi e di musical teatrali, è venuto a mancare all’età di 85 anni: conosciamo la sua storia

Enrico Vaime

Un’altra brutta notizia arrivata poche ore fa: è venuto a mancare all’età di 85 anni Enrico Vaime, che è considerato uno dei fondatori in Italia dell’intrattenimento e del varietà. Nella giornata di ieri si è spento al Policlinico Gemelli di Roma uno dei maggiori autori radiofonici e televisivi. Insieme a Italo Terzoli aveva fondato l’agenzia Terzoli & Vaime, diventando così uno più bravi autori di teatro e di varietà radiofonico e televisivo tra gli anni Sessanta e Settanta. Nato a Perugia il 19 gennaio 1936, è entrato in Rai nel 1960 vincendo un concorso e così nel corso della sua carriera ha firmato circa 200 programmi, come i varietà Quelli della domenica (1968), Canzonissima ’68 e ’69, Fantastico ’88 e, con Maurizio Costanzo, Memorie dal bianco e nero (Rai Uno); le fiction Un figlio a metà, Italian Restaurant, Mio figlio ha 70 anni.

Enrico Vaime, le curiosità e la storia

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

L’ultima esperienza in tv risale proprio con Costanzo con S’è fatta notte, che è andata in onda al 2012 al 2016. Lo stesso Vaime è stato autore di musical teatrali, soprattutto per la coppia Garinei e Giovannini. Inoltre, celebri le sue composizioni musicali, come Felicibumta, Anche i bancari hanno un’anima, La vita comincia ogni mattina e molte altre ancora. Ai microfoni dell’Ansa l’ha ricordato Maurizio Costanzo, suo grande amico: “Eravamo un bel gruppo, io, Enrico, Marcello Marchesi, Italo Terzoli. Erano gli anni dei grandi varietà, dei sabati sera di Rai1. Enrico era straordinario, la sua cifra era l’elegante ironia”. Infine, ha aggiunto: “La persona più ironica che abbia conosciuto, aveva sempre la battuta disarmante anche per quanto riguarda un fatto clamoroso. Marcello Marchesi diceva che quando Enrico si passava un dito nel collo della camicia, stava per tirare fuori una battuta… Che dire? Mi sento più solo, mi pare una trincea… Mercoledì inizierò la nuova puntata del Costanzo show dedicandola a lui”.

Enrico Vaime chi è storia