Cashback, Draghi vuole rivederlo, le destre cancellarlo: il motivo

Cashback, perché Draghi vuole cancellarlo: i dubbi riguardano il superpremio da 1500 euro per i primi 100mila utenti

Cashback

Il cashback, strumento voluto dall’ex premier Giuseppe Conte per incentivare l’utilizzo dei pagamenti digitali è sul tavolo del nuovo presidente del consiglio Draghi. L’intenzione dell’ex premier è stata quella di iniziare un’attività di incentivo per recuperare risorse che vengono evase. Il pagamento elettronico con l’incentivo, infatti, induce i consumatori a chiedere il pagamento con carta digitale. In tal modo, gli esercenti devono poi dichiarare l’incasso avvenuto, cosa che non succede nel caso di mancata emissione dello scontrino. Tuttavia, il cashback non piace ai partiti di centrodestra. Il pressing su Mario Draghi è iniziato da tempo. Lega Nord, Forza Italia e Fdi, chiedono che le risorse del cashback vengano dirottate sui sostegni alle attività in difficoltà cancellando il programma già a partire da luglio.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Cashback, il pressing delle destre

Draghi, secondo indiscrezioni, non sarebbe convinto del tutto sull’attuale formula del cashback. Il premier non vorrebbe cancellarlo ma rivedere la parte del superpremio da 1500 euro per i primi 100mila utenti per numero di transazioni. Draghi, in sostanza, vorrebbe modificarlo per fare in modo che si disincentivino le transazioni di piccoli importi.  Il sottosegretario leghista al ministero dell’Economia, Durigon, ha dichiarato, come riportato dal Corriere della sera: “Dobbiamo rivedere le risorse del Cashback e portarle in un ambiente che serve più a ristoranti, commercianti, dobbiamo mettere a sistema delle idee di garanzie per imprese e commercio che siano adeguate a una ripartenza vera. Il programma ha costituito un segnale positivo per i pagamenti digitali soprattutto per la percentuale della quota dei pagamenti elettronici sul numero totale di transazioni.

Leggi anche > Covid, crollo di morti nel Regno Unito

Credo che sia giusto poter verificare l’effettività di questo utilizzo anche sul prossimo anno, è uno dei temi che al ministero io ho chiesto di poter valutare, ha concluso il sottosegretario.

Leggi anche > Covid, morto un bambino  di 7 anni