Alessia Marcuzzi, l’esordio nel 1991: ve la ricordate a Telemontecarlo?

“Cominciai nel 1991 a Telemontecarlo, ma non lo diciamo troppo altrimenti sembro già vecchia” racconta in un’intervista Alessia Marcuzzi. 

Oggi il volto di Alessia Marcuzzi è uno dei più riconosciuti della televisione italiana. Anche lei, però, ha dovuto iniziare da qualche parte: non tutte le carriere cominciano con la conduzione dell’Isola dei Famosi. Ormai la Marcuzzi è abituata alle telecamere, agli studi televisivi ed ai ritmi della televisione. Insomma, è difficile non immaginarla sicura di sé: eppure, c’è stato un periodo in cui la donna non era così. “Adesso faccio un po’ la figa e mi sente con la voce squillante” spiega la donna, intervistata da Blizquotidiano, “ma vengo da un’influenza bestiale”.

Telemontecarlo

“Ai primi provini mi presentavo in jeans e Superga con la minigonna e le scarpe con il tacco nello zaino” spiega Alessia Marcuzzi in un’intervista. “Prima che qualcuno me lo chieda, con me non ci hanno mai provato. Non si è mai azzardato nessuno. Questo lavoro si può fare benissimo senza scendere a compromessi”.

Leggi anche -> Alessia Marcuzzi, chi è il figlio Tommaso Inzaghi: età, foto, la sua storia

“Cominciai nel 1991 a Telemontecarlo, ma non lo diciamo troppo altrimenti sembro già vecchia” racconta la Marcuzzi. La donna, infatti, arrivò nel mondo dello spettacolo con un programma per bambini. “Io volevo fare l’attrice, mi iscrissi a un’agenzia e poco dopo venni cooptata per Amici mostri con Ninì Salerno. Era un programma per bambini con un tocco di situation comedy. La mia prima vera trasmissione”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

A quanto pare, dopo Amici mostri, il suo agente (Beppe Caschetto) iniziò ad avere paura che la figura della Marcuzzi potesse essere legata per sempre a quel programma per bambini. L’uomo le consigliò allora di provare con un calendario nuda per stravolgere la sua immagine. “Con Caschetto sto da vent’anni, non me ne sono mai pentita” ha commentato la Marcuzzi. “Mi ha suggerito tante altre cose. Tutte importanti”.