Donna derubata: era in cimitero a trovare la figlia morta a 9 anni

Donna derubata. Una storia davvero da non credere. La vittima si trovava in cimitero quando è stata derubata. 

Un gesto che non trova nessuna spiegazione logica. La vittima e la comunità sono sotto choc per la brutalità del gesto. A spargere la notizia è stata la stessa vittima che con un post su Facebook ha parlato di ciò che le era successo.

Federica, questo il nome della mal capitata, è stata derubata mentre si trovava in cimitero. La donna ha perso sua figlia a soli 9 anni a causa di una malattia rara.

Donna derubata: i ladri non si fermano neanche in cimitero

La vittima si era fermata in cimitero per recarsi sulla tomba della figlia deceduta lo scorso agosto. Mentre si stava tornando all’auto ha fatto l’amara scoperta. Federica aveva in programma di consegnare ben 60 uova pasquali, da donare in beneficenza. Il gesto aveva lo scopo di sostenere l’Ospedale Pediatrico “Braccio di Ferro”, RFE di Padova.

Leggi anche -> Tragico incidente a Napoli: due morti, forse è una rapina finita male

La scena che gli si è parata davanti l’ha lasciata letteralmente senza parole: l’auto aveva i finestrini completamente frantumati. Tutte le uova erano sparite. Gli inquirenti stanno continuando le indagini per scoprire l’identità dei colpevoli, ma al momento non sembrano esserci sviluppi.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La famiglia di Federica si è detta indignata dalla tragicità del fatto. Dato il loro coinvolgimento nella beneficienza per la lotta alle malattie rare, la nonna della piccola si è detta pronta a partecipare al prossimo  pellegrinaggio a Santiago De Compostela, lungo 300 km.

Leggi anche -> Militare morto, 22enne travolto in autostrada dopo incidente FOTO

L’obiettivo delle donazioni era quello di arrivare a 10mila euro. Le 60 uova dovevano essere consegnate proprio in cambio di donazioni per l’hospice pediatrico. Il cammino che la nonna della bambina è disposta  a compiere servirà a raccogliere fondi per la ricerca sulla mucolipidosi 2. Ad oggi, in Italia, sono conosciuti solo 5 casi e non è previsto nessun medicinale o terapia.