Una pillola per curare il Covid? La Pfizer ce l’ha e sta sperimentando

Una pillola per curare il Covid sembra fantascienza, eppure forse ci stiamo arrivando. La Pfizer ne sta sperimentando una proprio adesso…

covid

Fino a qualche tempo fa sembrava pura fantascienza, ma oggi l’esistenza di una pillola contro il Covid sembra essere una realtà più vicina di quanto possa sembrare. E’ stata l’azienda Pfizer ad accendere una speranza sulla sperimentazione di un medicinale che possa fermare il virus nell’organismo umano. Ha parlato il direttore scientifico dell’azienda Mikael Dolsten in un’intervista a Bloomberg dei problemi e dei punti di forza della nuova speriementazione per la famigerata pillola. Ecco cosa sta succedendo.

Covid, Pfizer sperimenta una nuova pastiglia

Dopo essere stata la prima azienda al mondo a mettere in commercio il vaccino contro il Covid, la Pfizer torna a far parlare di sè per una pillola che potrebbe curare il virus, se somministrata nelle prime fasi della malattia. Dovrebbe funzionare impedendo al virus di riprodursi all’interno delle cellule bloccando così l’infezione, fungendo da inibitore della proteasi.

Leggi anche–> Variante Covid New York: primi 2 casi italiani nelle Marche

Fa ben sperare il fatto che famarci inibitore della protesi sono stati già sperimentati e utilizzati in passato per curare altre infezioni come quella da HIV e da Epatite C, combinati con altri antivirali o anche somministrati da soli. La Pfizer ha già dichiarato come si siano riscontrati effetti positivi durante le sperimentazioni di questa nuova pillola, per bloccare il virus appena entrato nell’organismo del contagiato.

Leggi anche–>Anna Scardigno morta di Covid a soli 29 anni: “Oggi è un giorno triste”

Ma non è tutto oro quello che luccica e il direttore scientifico della multinazionale, Mikael Donsten ha parlato dei problemi riscontrati durante la sperimentazione del farmaco. Ulteriori conferme e risultati saranno disponibili dal 6 aprile, quando ci sarà un importante incontro con la American Chemical Society. Oltre alla pillola, poi, pare che la Pfizer stia facendo dei test anche per un farmaco da somministrare in endovena a pazienti malati di Covid. I test sono ancora in una fase iniziale quindi è anche normale riscontrare anomalie e problemi, soprattutto quando si tratta di un virus così poco conosciuto ancora come questo. Non resta che aspettare ulteriori sviluppi.