Al Bano rifiuta il vaccino: “Ho l’appuntamento, ma non faccio Astrazeneca”

Questione Al Bano vaccino, il cantante pugliese spiega la sua posizione, ritenuta controversa dai più. Perché dice no ad Astrazeneca.

Al Bano vaccino
Al Bano vaccino Foto dal web

Al Bano vaccino, una controversia che sta facendo discutere in tanti e che è sorta nelle scorse ore. Il cantante di Cellino San Marco, in provincia di Brindisi, ha reso noto di essere regolarmente in lista per ricevere la dose che gli spetta come protezione contro il Covid. “Ma se sarà Astrazeneca non lo farò”.

Leggi anche –> Burioni, il vaccino ha fatto miracoli in Israele: “Ora riaprono tutto” FOTO

Un rifiuto che viene additato da tanti come un esempio cattivo e come una palese dimostrazione di disinformazione. Mentre infatti c’è chi, come il professore Roberto Burioni presenta dati scientificamente provati riguardo ai benefici effetti giocati dal vaccino, dall’altra parte si assiste a comportamenti controversi come quello di Al Bano.

L’ex marito di Romina è chiaramente in apprensione per le recenti notizie che hanno riguardato il vaccino Astrazeneca. La cui assunzione è stata collegata al sorgere di alcune trombosi, in qualche decina di casi anche in modo letale.

Ma l’Agenzia Europea del Farmaco e di rimando anche quella Italiana hanno assicurato, dopo attenti studi, che l’Astrazeneca è sicuro come tutti gli altri vaccini a disposizione. Inoltre probabilmente Al Bano non sa che anche con i ritrovati di Pfizer e Moderna c’erano state delle vittime già a gennaio.

Leggi anche –> Vaccino Pfizer, iniziati i test su bambini al di sotto dei 12 anni

Al Bano vaccino: “Sono per il vaccino, ma solo Pfizer e Sputnik”

Purtroppo il manifestarsi di effetti collaterali, in particolar modo in individui in età avanzata e soggetti a delle patologie in corso, è un qualcosa che può avvenire. Da par suo, Al Bano riferisce di avere amici che, dopo avere ricevuto il vaccino Astrazeneca, hanno avuto la febbre a 41° per una settimana.

Leggi anche –> Renato Zero, la foto mentre riceve la prima dose del vaccino

Lui poi specifica: “Non sono assolutamente no vax, sono in tutto e per tutto a favore del vaccino. Ma Pfizer o Sputnik. Siccome c’è in gioco la mia salute, io stesso sono colui ad avere la facoltà di decidere. Comunque sia, non voglio influenzare l’opinione pubblica”.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Ad ogni modo non è possibile scegliere a quale ritrovato rivolgersi. Chi si vaccina dovrà sottostare a ciò che c’è disponibile in quel momento.

Foto screenshot