Truffa PayPal: “Hai autorizzato un pagamento ma non è vero”

Su PayPal gira una nuova truffa, a cui gli utenti dovrebbero prestare molta attenzione. L’app comunica l’autorizzazione ad un pagamento via e-mail. 

Gli utenti che utilizzano il servizio di PayPal dovrebbero prestare particolare attenzione alle finte e-mail mandate che potrebbero ricevere. Da alcuni giorni molti utenti hanno segnalato di ricevere un avviso che li informa di un pagamento autorizzato tramite il popolare servizio di pagamento online.

Questi messaggi che vengano inviati agli utenti che utilizzano PayPal fanno parte di una truffa che potrebbe facilmente trarre in inganno grazie alla somiglianza con i veri messaggi inviati dal servizio di pagamento online. Queste e-mail somigliano moltissimo a quelle inviate dalla società, a partire dalla grafica e dal linguaggio utilizzato nel testo. Chi è abituato ad acquistare online è solito ricevere e-mail che informano l’utente della transazione avvenuta. In questo caso, però, si tratta di una truffa di tipo phishing a cui occorre prestare molta attenzione.

LEGGI ANCHE -> Nuova truffa sms, rubano 19mila euro a una donna: come difendersi

LEGGI ANCHE -> Verona, truffa all’Inps: falsa invalida per 15 anni, sottratti 260mila euro

Truffa su PayPal, ecco come difendersi

Ma come è possibile riconoscere questi finti avvisi di pagamento da quelli reali? Innanzi tutto bisogna recuperare la cronologia dei nostri pagamenti effettuati online tramite PayPal: se di recente non sono stati effettuati acquisti è improbabile ricevere mail del genere. Per chi acquista in rete frequentemente è più facile perdere di vista gli acquisti effettuati, pertanto la truffa è più efficace.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!

I truffatori inviano una copia perfetta nello stile e nelle grafiche alle e-mail inviate solitamente da PayPal agli utenti, utilizzando gli indirizzi mail arrivati nelle loro mani tramite i consueti furti di dati. La mail riporta generalmente un importo, anche piccolo, con lo scopo di allarmare gli utenti che cliccheranno sul tasto “informaci immediatamente“, fornendo così i loro dati personali e sensibili dell’ordine in questione. Inseriranno così la propria e-mail e password nella pagina web quasi identica in tutto e per tutto a quella di PayPal: così le proprie credenziali finiranno in mano agli scammer, che potranno accedere alle carte associate al nostro conto. Se si hanno dubbi in merito a una transazione è preferibile accedere direttamente da browser o app al sito di PayPal e verificare lì l’esito della transazione.