Tik Tok, mamma istiga le figlie a picchiarsi: sul web è sdegno

Scandalo su Tik Tok per una mamma che ha istigato le due figlie gemelle a picchiarsi per un video. Il web è indignato.

tik tok

Torna a far discutere il social network Tik Tok, dopo gli scandali seguiti ai suicidi di diversi ragazzini in seguito a challenge mortali sfide che li hanno più o meno istigati. Questa volta tutti contro una donna, madre di due gemelle che sono state incitate a picchiarsi proprio da lei. Un gesto che ha fatto davvero scalpore e ha fatto domandare il web fin dove si è disposti a spingersi pur di fare visualizzazioni e far diventare virale il proprio video. Ecco cosa sta succedendo.

Tik Tok, madre fa picchiare le gemelle in un video

Il video è finito sui social ed è stato ricondiviso molte volte e tantissime sono state le reazioni di indignazione contro la madre, che ha istigato le sue due gemelle a darsele di santa ragione per poi filmarle e postare il tutto. E’ stato il consigliere regionale della CampaniaFrancesco Emilio Borrelli, a diffondere il video shock su Facebook. “Sta circolando sui social un video che mostra due bambine, che si è scoperto essere due gemelle, istigate da adulti e familiari, divertiti dalla scena, ad uno scontro fisico tirandosi i capelli a vicenda.”, ha scritto nel post.

Leggi anche–> Tik Tok, verranno cancellati tutti gli account under 13: scopriamo quando

Immediata la reazione indignata e arrabbiata del web di fronte a due bambine costrette a picchiarsi a vicenda dai loro genitori, che dovrebbero proteggerle e badare a loro. E’ arrivata anche la replica della diretta interessata, la madre delle bambine, che ha provato a giustificarsi di fronte alla valanga di odio che le è caduta addosso. La donna ha spiegato che si trattava di uno scherzo, una motivazione che per molti non giustifica affatto il comportamento della signora in questione.

Leggi anche–> Chi è Ornella Zocco, l’influencer accusata di istigazione al suicidio su Tik Tok

Nemmeno Borrelli è soddisfatto della risposta, e ha replicato così: “Troppe volte, davvero troppe, abbiamo sentito dire: ‘Era uno scherzo, era un gioco’. Non è una scusa assolutamente accettabile, ci mancherebbe che si fosse trattato di sadismo. Il punto è proprio questo, non si sa scherzare, non si conoscono i limiti, non si ha e non si impartisce educazione, questa piattaforma social sta diventando un ricettacolo di degrado culturale e di scempiaggini. Allora poi non dovremmo meravigliarci se tanti ragazzini danno vita ad azioni assurde, criminali e scellerate, se questi sono gli adulti che li dovrebbero educare e da cui dovrebbero prender esempio c’è da preoccuparsi seriamente. Per questo occorre dar vita a un massiccio intervento di rieducazione, a partire proprio dagli adulti. Non basta scusarsi, occorre dimostrare di potersi prendere cura in maniera responsabile dei propri figli. Abbiamo per questo segnalato la vicenda agli assistenti sociali che ora dovranno seguire questa famiglia e fare le proprie valutazioni.”

TikTok 12enne muore