Salma derubata in ospedale, la scoperta scioccante della figlia

Salma derubata in ospedale. E’ questa l’atroce scoperta fatta dalla figlia della vittima. Una notizia che lascia senza parole. 

E’ stato Alessia Dolfini a fare l’amara scoperta. Quando si è recata all’ospedale civile di Vigevano per ritirare gli effetti personali del padre ha subito notato l’assenza di un oggetto: la sua collana d’oro.

Non ci è voluto molto prima che la famiglia della vittima presentasse una denuncia ai carabinieri. Una storia che ha lasciato senza parole.

Salma derubata in ospedale: sparita una collana d’oro

Luigi Vilmer è deceduto a causa del Covid a 73 la scorsa settimana. L’uomo indossava la collana d’oro e la prova del fatto è data da una foto che lui stesso ha inviato ai figli. “Ci ha inviato un selfie per aggiornarci sulle sue condizioni, in cui si vede chiaramente la catena d’oro al collo. Dopo il decesso ci sono stati restituiti soltanto il telefono, caricabatterie ed occhiali” affermano i figli.

Leggi anche -> Daniel Guerini, chi era il giovane calciatore della Lazio: l’ultima partita

L’assenza dell’oggetto è stata notata immediatamente. Inizialmente il personale medico avrebbe prima negato la presenza della collana per poi dire che essa poteva essere andata persa tra le lenzuola. Un atteggiamento che ha fatto storcere il naso ai familiari.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Non abbiamo prove che sia stata rubata ma, oltre al valore economico non trascurabile, quella collana è il più caro ricordo di nostro padre. Non se ne separava mai. Per questo siamo determinati a fare chiarezza su quanto accaduto”. Questa la dichiarazione della famiglia Dolfini.

Leggi anche -> Vittorio Sgarbi parla del tumore che l’ha colpito: “Pronto alla radioterapia”

Nel frattempo gli accertamenti e le indagini procedono. L’obiettivo è capire se esistano responsabilità nei confronti di determinate persone. “Sono cose che non dovrebbero mai accadere in un ospedale” commenta Angelo Marioni, portavoce di Asst Pavia.