Incidente Salento, due morti: condannato un uomo di 95 anni

Grave incidente avvenuto nel novembre 2018 nel Nord Salento, due morti: condannato un uomo di 95 anni per omicidio stradale.

(screenshot video)

Condannato a 3 anni, con conseguente revoca della patente: questa la pena comminata oggi dalla gup Giulia Proto per un 95enne leccese accusato di omicidio stradale plurimo. La giudice ha così accolto la richiesta di patteggiamento inoltrata dal legale dell’anziano, l’avvocato Luigi Rella. Questi aveva trovato l’accordo con la pm Donatina Buffelli.

Leggi anche –> Benno, la follia: “Volevo solo il silenzio, ho zittito mio padre”

Appena alcuni mesi fa, il gup Sergio Tosi aveva rigettato la richiesta di patteggiamento a 2 anni, condanna ritenuta troppo lieve. Due persone morirono dopo il terribile incidente stradale del 20 novembre 2018. Lo schianto tragico, che non lasciò scampo alle due donne, avvenne sulla Leverano-Porto Cesareo. Sotto accusa l’uomo.

Leggi anche –> Benno, spunta un dettaglio da brividi sulla vita coi genitori

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Omicidio Stradale: la condanna a un uomo di 95 anni, cosa è successo

Questi, all’epoca 93enne, colpì in pieno l’auto dove si trovavano la 57enne Cosima Fioravanti di Porto Cesareo, morta praticamente sul colpo, e l’89enne mamma della signora, deceduta presso l’Ospedale “Vito Fazzi”. Il decesso della più anziana tra le due donne avvenne a quattro mesi di distanza dall’incidente. I familiari delle due vittime hanno sempre cercato giustizia per quei decessi. Per questo, si sono costituiti parte civile con gli avvocati Pasquale De Monte, Giovanni Paolo Ianne ed Antonio Paglialunga.

Tutto avvenne, come detto, il 20 novembre del 2018, nel pomeriggio, sulla strada che da Leverano conduce a Porto Cesareo, nel Nord Salento, a ovest di Lecce. Sul posto intervennero immediatamente i Vigili del Fuoco e i militari dell’Arma dei Carabinieri della Compagnia di Campi Salentina. Anche l’anziano alla guida dell’altro mezzo rimase gravemente ferito. Secondo l’accusa, procedeva a una velocità elevata, circa 90 km/h. Nello stesso tratto di strada, il limite prescritto è di 30 km/h. L’uomo aveva perso il controllo del veicolo in un sottopasso, invadendo la corsia di marcia opposta.