Fabrizio Corona, lo sfogo: “Mi manca la vita, sono stanco”

Fabrizio Corona sta vivendo brutti momenti nel carcere di Monza e si è voluto sfogare sui social con un lungo messaggio disperato.

Sono più di dieci anni che va avanti la storia giudiziaria dell’ex re dei paparazzi Fabrizio Corona e lui stesso si è detto stanco di questa situazione. Dopo alcuni giorni passati nel reparto di psichiatria dell’Ospedale Niguarda di Milano in seguito al tentato suicidio, Corona è stato portato nel carcere di Monza dove sta scontando la sua pena. Da quando è entrato continua a gridare all’ingiustizia e minaccia qualsiasi cosa, insieme ai suoi avvocati. Ma oggi ha pubblicato un lungo e accorato sfogo in cui esprime tutta la sua frustrazione. Ecco cosa ha detto.

La frustrazione di Fabrizio Corona: “Sono stanco”

Mi manca da morire il mare, l’oceano, nuotare a cielo aperto ai confini del mondo senza dare conto e giustificazioni a nessuno.” ha detto Corona nel suo sfogo social di oggi. Ha espresso tutta la sua stanchezza e la sua voglia di tornare a vivere: “Mi manca vivere, mi manca la semplicità della vita. Sono dieci anni che vivo così e sono stanco. Molto stanco.” L’ex paparazzo si trova in cella dal 22 marzo quando è stato incarcerato in seguito alla revoca degli arresti domiciliari, notizia che lo aveva spinto all’autolesionismo.

Leggi anche–> “Affermazioni gravi”: Fabrizio Corona decide di denunciare Aldo Grasso

Anche il suo avvocato Ivano Chiesa si dice preoccupato per la sua salute mentale e motlo sfiduciato nei confronti della giustizia italiana: “Sta molto male, fa fatica a reggersi in piedi. Eppure hanno richiesto otto agenti per prelevarlo dall’ospedale, che si sono presentati con il foglio di dimissioni, per portare via Corona. Mi è sembrata l’ennesima esposizione di forza dello Stato, eppure pensavo di vivere in Italia.”

Leggi anche–>Fabrizio Corona, atti di cannibalismo: “Uno psicopatico in ospedale psichiatrico”

Corona sta attualmente facendo lo sciopero della fame in carcere e continua a riferirsi alla sua vicenda giudiziaria come una grande ingiustizia. Come recita la lettera inviata dall’ex paparazzo a Massimo Giletti, Corona è anche pronto a morire per i suoi diritti. La lettera è stata poi letta in diretta a “Non è l’Arena” e le parole di Corona avevano fatto preoccupare un po’ tutti.