Burioni, il vaccino ha fatto miracoli in Israele: “Ora riaprono tutto” FOTO

Il professore Roberto Burioni con un messaggio sui social mostra come il vaccino abbia contrastato la pandemia a Gerusalemme e dintorni.

Burioni sul vaccino in Israele
Burioni sul vaccino in Israele FOTO Getty Images

Roberto Burioni, con un post pubblicato sul suo profilo personale Facebook, parla della situazione che sta vivendo Israele. Nello Stato mediorientale l’indice della pandemia è in forte discesa. Il professore mostra un tweet nel quale è riportato un grafico che illustra cosa è accaduto nel corso della seconda ondata e come sta andando la terza.

Leggi anche –> Focolaio in ospedale, infermiere no vax infetta 9 pazienti

Grazie all’incidenza dei vaccini, il numero dei nuovi contagi è in forte discesa. L’indice di contagio RT è calato a 0.55, un valore che in Italia corrisponde ancora a più del doppio. “Continua la discesa della curva. L’economia è vicina ad una piena riapertura e l’indice RT è ora a 0.55, il suo valore più basso di sempre. Questo corrisponde ad un 65% di casi diminuiti in una settimana”.

Per Burioni si tratta della prova evidente di come i vaccini funzionino. Se adeguatamente predisposta, la campagna di somministrazione dei ritrovati contro il virus può decisamente rallentare quella che è la circolazione del virus.

Leggi anche –> Vaccino Italia, Curcio: “Da oggi somministrazione solo per fasce di età”

Burioni, il messaggio che sottolinea la validità dei vaccini

Avere un Rt=0,5 vuol dire che 100 persone infettive ne infettano 50, che ne infettano 25, che ne infettano 12, che ne…

Pubblicato da Medical Facts di Roberto Burioni su Giovedì 25 marzo 2021

E Burioni scrive quanto segue. “Avere un Rt=0,5 vuol dire che 100 persone infettive ne infettano 50, che ne infettano 25, che ne infettano 12, che ne infettano 6, che ne infettano 3, che ne infettano 2 (a stare larghi) che ne infettano 1. E poi nessuno infetta più nessuno.
Avete letto bene, nessuno infetta più nessuno. Vi rendete conto cosa significa “nessuno infetta più nessuno?”.

Leggi anche –> Zona gialla, cosa succede dopo Pasqua: cattive notizie in arrivo

Si spera che un giorno anche l’Italia e il resto del mondo possano arrivare a questo grosso traguardo. Ma è bene precisare che tra Israele ed il nostro Paese ci sono delle differenze importanti. Lì la popolazione ammonta a 10 milioni di abitanti, circa un sesto di quella italiana.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Inoltre il Governo locale ha stretto accordi molto forti con Pfizer, che ha fornito la maggior parte dei vaccini. E non sono avvenuti tagli unilaterali alle forniture, come invece successo dalle nostre parti ed in tutto il territorio dell’Unione Europea.

FOTO Getty Images