Trapianto di fegato, madre salva la vita alla sua figlioletta di 3 anni

Un eccezionale trapianto di fegato ha consentito ad una bambina di avere salva la vita. E c’è un aspetto che rende il tutto davvero unico.

Trapia trapianto di fegato tra mamma e figlia
Trapia trapianto di fegato tra mamma e figlia FOTO Getty Images

Trapianto di fegato, eseguito con la massima urgenza, salva la vita di una bambina di soli 3 anni. Ma c’è un altro dettaglio, decisamente non da poco, che rende questa storia ancora più speciale. Ed è rappresentata dal fatto che a risultare decisiva per l’intervento è proprio la mamma della piccola.

Leggi anche –> Madre morta in incidente, ha salvato i suoi due figli piccoli FOTO

Infatti una donna ha donato alla propria piccina che lei stessa aveva partorito nel corso del 2018, una parte del suo fegato. La vicenda giunge da Torino, dove nel locale ospedale delle Molinette, un medico, ma prima ancora una mamma, che per vedere rinascere la sua bimba adorata di tre anni affetta da una malattia le ha donato parte del suo fegato.

La piccola pesava appena undici chili, ma ora la porzione di organo che ha ricevuto crescerà dentro il suo corpo fino a raggiungere una grandezza normale per permetterle, si spera, una vita come tutti.

Leggi anche –> Giulia Muscariello, chi è la giovane che ha perso una gamba per salvare l’amica

L’intervento si è tenuto nei giorno scorsi all’ospedale Molinette di Torino. E non si riscontrava un trapianto del genere da un donatore ancora in vita da oltre 10 anni. Se si eccettua quanto avvenuto a gennaio di quest’anno da un uomo di 82 anni che ha donato un rene al figlio di 52 anni a rischio dialisi.

In questa circostanza invece il trapianto di fegato ha riguardato la bambina, originaria della Sardegna, ed affetta da una patologia congenita molto rara tale da inficiare in maniera grave le vie biliari ed il sorgere di una cirrosi epatica.

Leggi anche –> Chiede aiuto in videochiamata all’amica, il gesto in codice le salva la vita VIDEO

Trapianto di fegato, così la mamma ha salvato la propria figlia

Già dopo appena 6 settimane di vita la piccola aveva dovuto subire un primo intervento chirurgico. Poi è sempre mancato un donatore deceduto compatibile con le esigenze della bimba.

Leggi anche –> Natalia Dimitrova Beliova, chi è la badante morta per salvare due anziani

Per lui la madre, una 43enne di professione medico, non ci ha pensato su due volte nel donarle un pezzo di sé stessa, nel vero senso della parola. Ora la parte di fegato esportata ed impiantata nella piccola crescere all’interno di quest’ultima.

I primi tre anni di vita di questa bimba sono stati estremamente complicati, condizionati da una serie di infezioni e da uno sviluppo ritardato. La piccina pesava solamente 11 chili e si trovava alle Molinette sin dallo scorso mese di gennaio.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

La delicata operazione si è svolta in un arco di tempo di ben 12 ore. A svolgerla il professor Renato Romagnoli e la su squadra, con l’ausilio dei dottori Roberto Balagna e Fabrizio Gennari e delle rispettive equipes.

FOTO Getty Images