Nasceva oggi Dario Fo, il momento in cui scoprì di aver vinto il Nobel VIDEO

Dario Fo è senza dubbio uno dei più grandi artisti italiani. L’uomo è nato nel 1926. Scopriamo di più su di lui e sulla sua carriera. 

Fo nasce il 24 marzo 1926 in una famiglia antifascista Insieme ai suoi genitori abita a Leggiuno-Sangiano un paesino della Lombardia. Sua madre è una contadina mentre suo padre è un ferroviere.

Durante la sua giovinezza si trasferisce a Milano. E’ proprio nel capoluogo che frequenta l’Accademia di Belle Arti di Brera e poi si iscrivere alla facoltà di architettura del Politecnico. Sfortunatamente abbandonerà gli studi prima di ottenere la laurea.

Nasceva oggi Dario Fo: ecco tutto quello che c’è da sapere su di lui

Negli anni dell’apprendistato sul palco si dedica soprattutto all’improvvisazione, inventando storie dal tono anche satirico. Successivamente, verso l’inizio degli anni ’50, inizia una collaborazione con la Rai. Scrive e recita le trasmissioni del “Poer nano”.

Leggi anche -> Itinerario alla scoperta della vita di Dario Fo: i suoi luoghi

Sempre in ambito teatrale inizia a collaborare con due grandi: Franco Parenti e Giustino Durano. Con loro nascono “Il dito nell’occhio” e “Sani da legare”. Quest’ultimo spettacolo viene fortemente censurato perché trattava un argomento un po’ scomodo: la quotidianità italiana durante i conflitti politici. A causa di queste ripercussioni i tre interrompono la collaborazione.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

A fine anni ’50 crea un gruppo teatrale ma continua ad essere colpito dalla censura. Dopo aver abbandonato la Rai ed essere tornato a Teatro, tenta di sfondare anche al cinema. Durante la sua carriera continua ad apparire sia sul piccolo che grande schermo ed i suoi interventi sono sempre carichi di provocazioni e allusioni alla situazione italiana.

Nel 1997 arriva il Premio Nobel per la Letteratura “per aver emulato i giullari del Medio Evo, flagellando l’autorità e sostenendo la dignità degli oppressi.” Una vittoria che divide l’opinione pubblica dato che molti non riescono a definire l’arte di Fo.

Leggi anche -> Lutto nel giornalismo, morta Stefania Sberna: aveva solo 54 anni

La scoperta della notizia avvenne quando si trovava in auto con Ambra Angiolini per la registrazione del programma “Milano-Roma“. Un cartello affisso sul finestrino di una macchina dà la lieta notizia. “Incredibile, è da vent’anni che sono in lizza per il Nobel, non immaginavo assolutamente” aveva commentato Dario Fo.

L’artista sfrutta la cerimonia di premiazione per farsi portavoce della campagna lanciata ai tempi dal Comitato Scientifico Antivivisezionista e altre associazioni europee. Anche verso la fine dei suoi giorni ha continuato a dedicarsi alla sua arte e alla politica. L’artista si è spento il 13 ottobre a 90 anni.