Madre in stato confusionale interrompe la DAD, la maestra chiama i carabinieri

A Salerno, una maestra è stata costretta a chiamare i carabinieri dopo che la madre di un’alunna ha interrotto improvvisamente la DAD.

Didattica a distanza (foto di Getty Images)

E’ iniziato tutto in una piccola casa a Salerno (in Campania), durante una lezione in didattica a distanza. L’insegnante stava spiegando tranquillamente, quando è stata interrotta dalla madre di un’alunna: la donna, in apparente stato confusionale, si è scagliata verso il computer della figlia e lo ha spento. Quando la DAD online con la bambina è stata interrotta la maestra ha immediatamente chiamato i carabinieri, preoccupata che potesse succedere qualcosa all’alunna.

L’uso errato dei farmaci

La signora (la cui identità rimane nascosta per privacy) era risultata positiva al Sars-Cov-2 insieme alla figlia. Le due, costrette a casa, si stavano curando con alcuni farmaci anti-Covid: pare che proprio l’utilizzo errato dei medicinali abbia portato la donna a perdere il controllo. Non si sa ancora, comunque, perchè la signora abbia deciso di interrompere la didattica a distanza e spegnere il computer della figlia.

Leggi anche -> Covid, nuova ordinanza in Lombardia: coprifuoco e didattica a distanza

I carabinieri della Sezione Radiomobile sono arrivati velocemente all’indirizzo indicato dalla maestra, accompagnati da una squadra di operatori sanitari. Inizialmente, la donna non li ha lasciati entrare in casa, bloccando la porta e rifiutandosi di far vedere la bambina agli agenti. La situazione si è protratta per ben due ore: i pompieri sono stati chiamati per aiutare, e alla fine la donna è stata calmata da un carabiniere-negoziatore.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Dopo un altro quarto d’ora di colloquio tra la donna ed i carabinieri, alla fine, le Forze dell’Ordine sono riuscite ad entrare in casa. La donna è stata immediatamente portata da un medico, che si è accorto subito del suo stato confusionale. A quanto pare, cercando di curarsi dal virus, la donna aveva esagerato con i farmaci cortisonici. I carabinieri hanno anche trovato l’ex marito della donna, anche lui positivo, facendolo restare nell’appartamento finché la situazione non si è risolta.