Omicidio Fabbri choc: “Avevamo già provato ad uccidere Ilenia due volte”

L’omicidio Fabbri si arricchisce di un ulteriore dettaglio, fornito proprio dall’esecutore materiale del delitto. Parole che sconvolgono.

omicidio Fabbri
Omicidio Fabbri Foto dl web

Omicidio Fabbri, l’assassino Pierluigi Barbieri, noto anche come  ‘lo Zingaro’, ha compiuto una ulteriore confessione. Nel corso di un interrogatorio risalente alla scorsa settimana, l’autore materiale del delitto ha svelato che lui e l’ex marito di Ilenia, Claudio Nanni, avrebbero tentato in altre due circostanze precedenti ad uccidere la donna.

Leggi anche –> L’ex marito di Ilenia Fabbri scrive alla figlia: “Ho sbagliato, dovrò pagare”

Avvenne tra settembre ed ottobre scorsi, con entrambi i piani saltati per degli improvvisi imprevisti nel corso della loro attuazione. La terza volta però è risultata fatale ad Ilenia, con l’omicidio Fabbri andato in scena il 6 febbraio 2021 verso le 06:00 del mattino, in casa di lei.

Barbieri e Nanni hanno fornito anche delle versioni contrastanti nelle settimane passate, in occasione del loro arresto seguito alla confessione spontanea fornita proprio da Barbieri. Quest’ultimo ha raccontato di avere pattuito una cifra di 20mila euro più una auto usata in cambio della prestazione offerta per uccidere Ilenia nell’omicidio Fabbri.

Leggi anche –> Pomeriggio 5, parla il mandante dell’omicidio di Ilenia Fabbri: “Non volevo”

Omicidio Fabbri, i due volevano sbarazzarsi del corpo di Ilenia

Claudio Nanni invece riferisce di soli 2mila euro e solo per spaventare la sua ex moglie. Dalla cui morte avrebbe però tratto giovamento in ambito finanziario, non dovendo più corrisponderle alcuna cifra e divenendo anche erede del 50% del di lei patrimonio.

Leggi anche–> Ilenia Fabbri Faenza, ex marito e killer danno due versioni diverse

Inoltre i due avrebbero dovuto fare sparire il cadavere di Ilenia dopo averlo cosparso di acido, sotterrandolo in una buca tra le campagne, all’interno di un trolley. Gli investigatori hanno individuato nell’officina meccanica di Imola della quale Claudio Nanni è titolare, proprio la vanga utilizzata per scavarla.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

C’erano pure dell’acido ed un trolley, per l’appunto. Tutto questo aggrava la posizione dei due e confermerebbe come l’omicidio di Ilenia sia da ascrivere ad una premeditazione studiata da tempo prima della sua messa in atto.

Foto dal web