Vittorio Sgarbi: “Ho scoperto di avere il cancro e sono in cura”

Intervistato da La Zanzara su Radio24, arriva l’annuncio di Vittorio Sgarbi: “Ho scoperto di avere il cancro e sono in cura”.

(Roberto Serra/Iguana Press/Getty Images)

Ci sarebbero seri problemi di salute per Vittorio Sgarbi: lo ha confessato in mattinata lo stesso critico d’arte e parlamentare, intervistato da La Zanzara, il controverso programma condotto da Giuseppe Cruciani su Radio24. Il candidato sindaco di Roma, infatti, ha comunicato da una parte di avere avuto il Covid, senza avere sintomi, quindi ha spiegato di avere avuto problemi di salute ben più gravi.

Leggi anche –> Vittorio Sgarbi annuncia: “Mi candido a sindaco di Roma”

“Basta retorica sui medici. Il medico deve stare in ospedale, cura i malati che ci sono. Se poi trascura i malati di cancro è già un medico che mi sta sul c***o” – il duro affondo del noto critico d’arte, che ha fatto un annuncio scioccante – “Non c’è solo il Covid al mondo. Io ho avuto il Covid e ne sono uscito, e ho un cancro alle p***e e non ne sono ancora uscito”.

Leggi anche –> Vittorio Sgarbi candidato sindaco di Roma: sciolte le riserve

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Vittorio Sgarbi annuncia di avere il cancro: come sta il deputato

(screenshot video)

Il deputato 68enne ha insomma spiegato di aver avuto il Coronavirus da asintomatico: “Il mio medico, Mario Pepe, mi ha fatto delle analisi e mi ha detto che ho gli anticorpi, e che probabilmente ho avuto il Coronavirus a dicembre”. Sgarbi ha quindi aggiunto di avere però un altro e più serio problema di salute: “Ho fatto delle analisi per la prostata. Ho un problema, cerchiamo di resistere. C’è un ingrossamento, c’è qualcosa che stanno analizzando”.

“Non ho avuto metastasi di nessun tipo e la cosa è circoscritta” – ha chiarito Vittorio Sgarbi, che non ha perso la sua proverbiale verve – “Cerchiamo di salvare l’erezione, sono abbastanza seguito. Per ora l’attività urinaria e di erezione è regolare. L’unica cosa che ho da qualche anno è che c**o sette, otto volte al giorno. E non ho mai trovato il modo di mitigare questa cosa, il che va bene perché ti liberi dalla m***a. Ma è l’unica condizione di limitazione alla mia libertà assoluta”.