Neonato ustionato Napoli: la testimonianza del padre del bambino

Il dramma del neonato ustionato e ricoverato a Napoli: la testimonianza del padre del bambino, le accuse alla sua compagna.

(CC-BY-2.0)

L’uomo di 46 anni che sarebbe il padre del neonato partorito in casa e trovato dai medici con gravi ustioni, nel corso dell’interrogatorio delle scorse ore, avrebbe cercato di sostenere la propria innocenza. Stando al racconto dell’uomo, arrestato per maltrattamenti insieme alla compagna, la mamma del bambino lo avrebbe cacciato di casa.

Leggi anche –> Neonato ricoverato, ha 5 giorni e ustioni tremende: genitori arrestati

Da diversi giorni, infatti, pare che la donna fosse rimasta sola con il figlio, cacciando di casa non solo il compagno, ma anche tutti gli altri familiari. Una versione dei fatti che al momento non ha trovato riscontro, stando a quanto si apprende, ma che è comunque da valutare. La 36enne madre del neonato è stata ricoverata poco dopo l’arresto.

Leggi anche –> Metadone alla figlia, ha solo 40 giorni: giovane madre indagata

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

La ricostruzione dell’accaduto: cosa è successo al neonato ustionato di Napoli

Si tratta di una donna con gravi disturbi psichici, che non è stata considerata in condizioni di poter sostenere l’interrogatorio. In ogni caso, per lei il fermo sarebbe stato convalidato. Secondo le notizie emerse nei giorni scorsi, la donna avrebbe avuto altre gravidanze e poi il figlio gli sarebbe stato tolto una volta nato. Da sempre, sembra che la donna fosse seguita dai servizi sociali, proprio in virtù della sua malattia.

Invece, secondo la testimonianza del compagno il quadro psichico della donna si sarebbe aggravato negli ultimi giorni, dopo un periodo sembra relativamente tranquillo. Quindi la giovane donna – aver partorito in casa – aveva avuto una crisi, allontanando appunto non solo il suo compagno, ma anche gli altri familiari. Sempre il compagno, ha spiegato che il giorno del parto avrebbe chiamato il 118, ma la 36enne avrebbe addotto poi motivi religiosi per ‘sfuggire’ al ricovero. Secondo la mamma della giovane partoriente, sua figlia avrebbe sì dei seri problemi di salute, ma mai avrebbe fatto spontaneamente del male al figlioletto appena nato. Tanti aspetti dell’accaduto restano da chiarire.

neonato ricoverato per ustioni