Claudio Baglioni, chi era la madre Silvia Saleppico: il loro rapporto unico

Un rapporto davvero speciale quello fra Claudio Baglioni e sua mamma Silvia Saleppico. Ecco chi era la donna più importante della sua vita.

Un amore sconfinato e incondizionato, un rapporto profondo, insostituibile come solo quello tra madre e un figlio può essere. Questo legava Claudio Baglioni e sua mamma Silvia Saleppico, un affetto che va oltre ogni cosa, oltre la morte, che ha purtroppo portato via Silvia il 15 febbraio del 2013 dopo nove mesi di lunga malattia, in cui Claudio le è sempre stato accanto. Non ha mai smesso di pensare e di ricordare sua madre, Baglioni, che le ha anche dedicato una bellissima canzone, “Lettera”. Ma chi era la signora Silvia?

Chi era Silvia Saleppico, l’adorata mamma di Claudio Baglioni

Silvia è nata il 28 ottobre 1919Ficulle e aveva origini umbre. Di mestiere faceva la sarta a Roma, dove si era trasferita in via dei Noci Centocelle. Ha sempre sostenuto il figlio fin dal primo momento, andava a tutti i suoi concerti e tra di loro c’era un rapporto davvero speciale e profondo. Claudio, ricordando la mamma dopo tre anni dalla sua morte, ha scritto: “Siamo stati vicini per 62 anni. A dire il vero anche un poco di più. E in quei nove mesi fummo noi due da soli.I nove mesi si riferiscono all’ultimo periodo di vita della signora Silvia, che si è spenta nel 2013 all’età di 93 anni.

Leggi anche–> Claudio Baglioni, la struggente dedica alla mamma scomparsa: tutti commossi

Ha avuto solo Claudio, la signora Silvia con suo marito Riccardo, carabiniere, perché non avrebbero avuto abbastanza soldi per sostenere un altro figlio. Così tutto l’amore dei genitori si è riversato su loro unico bambino, che hanno sostenuto da subito. Silvia assisteva ai concerti e aveva realizzato un completino per il primo concorso canoro di Claudio, nei primi anni ’60.

Leggi anche–> Claudio Baglioni racconta i ritocchini estetici: la sua verità

Una perdita dolorosa e difficile per Claudio quella di sua mamma e per ricordarla e celebrare la bellezza del loro rapporto, ha scritto: “Per un essere umano ci sono due date nel manifesto teatrale dell’esistenza che hanno un segno diverso e particolare: il giorno nel quale si viene qui al mondo attraverso il dolore e la beatitudine di una donna che si fa madre per te e quello in cui lei se ne va. Il primo giorno di vita di te che ti stacchi da lei per viver la tua. L‘ultimo giorno di vita di lei che si stacca da te per viverne un’altra.