Fabrizio Corona devastato, ricorso respinto: altri 9 mesi in carcere

Nulla di fatto per Fabrizio Corona. Il re dei paparazzi aveva tentato il ricorso che però non è andato in porto. Ecco cos’è successo. 

Al momento Corona è ancora ricoverato al Niguarda, nel reparto di psichiatria. L’uomo continua ad essere sorvegliato costantemente per impedirgli gesti sconsiderati.

Il re dei paparazzi aveva detto che avrebbe fatto di tutto pur di non tornare in carcere ed era arrivato perfino a ferirsi. Sono stati proprio questi atti a costringerlo in ospedale. Nel frattempo aveva provato a fare ricorso alla decisione del tribunale ma non l’esito non è andato come desiderato.

Fabrizio Corona di nuovo in carcere per 9 mesi: ecco perché

Altri 9 mesi di reclusione per Corona. La Cassazione ha dichiarato inammissibile il ricorso sulla decisione del Tribunale di Sorveglianza  di Milano. E’ stata quindi accolta la richiesta del pg milanese Antonio Lamanna.

Leggi anche -> Fabrizio Corona, una settimana di digiuno e rifiuto della vita: come è ridotto ora

Corona ha commesso diverse violazioni durante la fase di affidamento terapeutico. Questa opzione gli era stata concessa per portare a termine il suo recupero dalla dipendenza di cocaina.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La decisione del tribunale non è stata ovviamente gradita dal legale del re dei paparazzi: “E’ accanimento giudiziario che continua. Sono stufo di questo sistema giudiziario e di apprendere le notizie dalla stampa.” Ha commentato duramente l’avvocato Ivano Chiesa. Sempre il legale ha aggiunto: “Avrebbe dovuto essere una notizia riservata perché si tratta di camera di consiglio, non di una udienza pubblica e invece devo apprenderlo,  ancora una volta dalla stampa”.

Leggi anche -> Fabrizio Corona non è un assassino, l’accorato appello di Asia Argento

Al momento Corona rimane in ospedale soprattutto a causa dei suoi atti di autolesionismo. Negli ultimi giorni ha continuato a mettere in atto azioni di protesta per la decisione del Tribunale di Sorveglianza di Milano. Sfortunatamente le sue azioni non sembrano essere servite.