Ares Gate: caso riaperto per istigazione al suicidio, ascoltata Eva Grimaldi

Le Forze dell’Ordine continuano ad indagare sull’Ares Gate: il caso Losito è stato riaperto, questa volta per istigazione al suicidio.

Teodosio Losito, nato a Milano il 17 aprile 1965, è stato un produttore televisivo, sceneggiatore e cantante italiano; solo due anni fa il suo corpo senza vita è stato trovato nella casa dell’uomo a Roma, l’8 gennaio 2019. Allora la sua morte fu considerata suicidio e le indagini furono chiuse piuttosto velocemente, ma le cose sono cambiate dopo la registrazione di una conversazione notturna al Grande Fratello Vip tra Adua Del Vesco e Massimiliano Morra.

Leggi anche -> Teo Losito, chi è il regista morto suicida nel 2019: la sua storia

Parlando, la Del Vesco ha confessato al concorrente che nel periodo in cui lavorava per la casa di produzione Ares (fallita nel 2020) “non voleva più vivere”. A quel punto Morra risponde: “è stata una cosa atroce, veramente. Ma poi l’ultimo periodo è stato per me il peggiore. Ti ricordi quella sera che è successo? Tutto è nato da lì, poi è stato tosto perché ricevevo delle telefonate, istigazioni“.

La sfilata di vip in Procura

I due diedero il via a quello che oggi è conosciuto come l’Ares Gate (ovvero una serie di inchieste che vedono come protagonista la Ares). Una delle indagini riaperte in questo periodo vede al centro del mistero proprio la morte di Teodosio Losito:pare che l’uomo (ritrovato impiccato nella sua abitazione) sia stato istigato al suicidio. Sono stati tanti i famosi ad essere stati chiamare dalle Forse dell’Ordine per testimoniare. Uno tra i primi ad essere stato ascoltato è stato Alberto Tarallo, fondatore e capo della Ares film. La testimonianza dell’uomo (che in seguito è stato anche sceneggiatore e produttore cinematografico per la casa di produzione) è molto importante: Tarallo e Losito hanno passato insieme 19 anni della loro vita professionale.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Nel corso della scorsa settimana il pm Carlo Villani ha ascoltato molte tra le persone legate alla Ares. Gli inquirenti (che tra le altre cose sospettano dell’esistenza di una setta legata alla casa di produzione) fino ad oggi hanno raccolto le testimonianze degli attori Adua Del Vesco, Massimiliano Morra e Francesco Testi. Ieri è arrivato il turno di Eva Grimaldi.