Alba Puddu, chi è la dottoressa che “curava” i tumori con gli ultrasuoni

Alba Puddu è stata radiata dall’ordine dei dottori e non potrà più esercitare la sua professione. Perché? Curava i pazienti oncologici con un metodo particolare…

L’abbiamo conosciuta in un servizio de “Le Iene Show” la ormai non più dottoressa Alba Puddu. La donna è stata non solo radiata e non potrà quindi più esercitare la professione di medico ma è anche rinviata a giudizio per i terribili crimini da lei commessi. Il medico dovrebbe essere una persona di cui fidarsi ciecamente, soprattutto in una situazione spaventosa e fragile come quella in cui si trovano i pazienti che hanno un cancro. Ma chi si è affidato alla Puddu, ha ricevuto tutt’altro…

Alba Puddu, curava i tumori con terapie inutili

Il motivo del rinvio a giudizio dell’ex dottoressa Puddu è il suo convincere pazienti oncologici, affetti quindi da tumori maligni, ad abbandonare le terapie tradizionali come la chemioterapie per affidarsi alla sua presunta miracolosa cura degli “ultrasuoni”. Tanti sono i pazienti che sono morti in seguito all’affidamento alla Puddu e alla sua terapia killer, che avrebbe dovuto salvarli.

Leggi anche–> Pedofilo incastrato dalle Iene: la vittima adescata via Instagram

Nel servizio delle Iene che l’ha incastrata, infatti, si può chiaramente vedere la dottoressa che diagnostica un tumore inesistente ad un attore della trasmissione, per poi consigliargli di non affidarsi alle tradizioni terapie bensì alla sua miracolosa “cura ad ultrasuoni”, per cui era diventata molto famosa in Sardegna. “Io sono contraria alla chemio perché se lei si risolve il problema del linfoma, poi le viene un altro tumore.” diceva ai suoi ignari pazienti. Molti sono stati i parentigli amici, i genitori delle vittime della Puddu a contattare le Iene per dare la loro testimonianza.

Leggi anche–> Le Iene: inchiesta mascherine, le telefonate segrete dell’ex commissario Arcuri

Ad oggi Alba è stata radiata dall’ordine e ha sulle spalle accuse molto gravi per cui p stata rinviata a giudizio dopo le indagini dei Carabinieri, avviate in seguito al servizio del noto programma di informazione di Italia 1. Le accuse da cui si dovrà difendere davanti al giudice sono di omicidio doloso, omicidio volontario, circonvenzione di incapace, truffa aggravata e lesioni colpose aggravate.