Van Basten al veleno, ma ricorda solo lo scudetto del ’90… e del ’88…

Van Basten torna sullo scudetto del ’90 che reputa rubato dal Napoli, ma non cita mai quello di due anni prima…

Van Basten e Maradona nel 1988

E’ stato uno dei più grandi attaccanti della storia del calcio ma quando si tocca l’argomento dello scudetto del 1990 lascia emergere tutta la delusione. Intervistato dal quotidiano spagnolo As, Van Basten parla di scudetto consegnato al Napoli perchè in tal modo le italiane in coppa Campioni (la vecchia Champions League) sarebbero state due: “Hanno fatto tutto il possibile per darlo al Napoli. Le nuove regole permettevano di partecipare alla Coppa dei Campioni sia ai vincitori dell’anno prima, sia ai vincitori del campionato. Noi avevamo vinto la Coppa dei Campioni e fecero di tutto per non farci vincere il campionato e mandare due squadre italiane nella massima competizione europea. Furono incredibili gli scandali arbitrali contro Milan, Inter e Verona mentre c’erano costanti favori per il Napoli. La partita che gli è stata regalata a Bergamo contro l’Atalanta per l’episodio di Alemao fu qualcosa di tremendo. Il Napoli ha vinto quello scudetto negli uffici”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Van Basten e la dimenticanza dello scudetto 1988

icanza” dello scudetto 1988…Peccato che Van Basten quando parla di quelle annate non rammenta mai lo scudetto strappato al Napoli nel 1988. Non ci furono questioni arbitrali, ma il Napoli crollò nell’ultimo mese del campionato dopo essere stato in vetta dal 1986. Qualcosa accade in quel maggio del ’88 che arrestò gli azzurri che fecero un solo punto in quel mese. Il Napoli era una squadra in vetta in Italia da due anni, in un mese fu capace di realizzare un solo punto. Il Milan, in grande ascesa, ebbe il grande merito di rimontare, ma lo scudetto fu possibile perchè il Napoli ebbe un crollo ancora oggi inspiegabile visto il rendimento da due anni di quella squadra. Quello scudetto fece poi la fortuna del Milan del ciclo di Van Basten, squadra eccezionale ma stando ai regolamenti dell’epoca, senza quello scudetto del 1988 non sarebbero potuti arrivare i successivi eccellenti successi europei perchè non avrebbe mai partecipato alla Coppa dei Campioni.

Leggi anche > La lotta Champions si allarga

Van Basten ha concluso parlando di Maradona: “Era meraviglioso come calciatore. Come persona l’ho conosciuto meglio quando eravamo già in pensione e ho lavorato per la FIFA. Sembrava una grande persona, molto preoccupata per il benessere dei giocatori. Paragone con Messi? Leo è più costante ma lui era più leader. Un vero capitano. Un combattente”.

Leggi anche > Caso Suarez, la verità

Maradona 1990