Sandra Milo in radio: “Ho fatto il vaccino, non respiro”, poi emerge la verità

L’intervento choc della conduttrice Sandra Milo in radio: “Ho fatto il vaccino, non respiro”, poi emerge la verità.

(screenshot video)

Brevi momenti di panico, poi esplode la rabbia di Geppi Cucciari per lo scherzo di cattivo gusto organizzato in radio durante Un giorno da pecora, il programma di Radio1 condotto dalla nota comica e da Giorgio Lauro. Tutto avviene durante una telefonata in diretta della nota conduttrice televisiva ed ex musa di Federico Fellini, Sandra Milo. Questa racconta che ha fatto la seconda dose vaccinale.

Leggi anche –> AstraZeneca, conferenza stampa Ema: la decisione sul vaccino in diretta

Queste le parole con cui ha esordito l’attrice 88enne: “Sto bene, oggi ho fatto la seconda dose di vaccino”. Quindi all’improvviso cambia registro e spaventa i due conduttori: “Mi batte il cuore un po’ più velocemente… Oddio non respiro, non respiro”. A quel punto la Cucciari e Lauro sono spaventati e si chiedono cosa stia succedendo.

Leggi anche –> Coronavirus 18 marzo: quasi 25mila nuovi casi registrati

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Il finto malore di Sandra Milo dopo il vaccino: polemiche sull’attrice

La nota attrice continua a simulare il malore e a un certo punto i due conduttori le chiedono se sia da sola in casa, quindi premono perché venga allertata la figlia rispetto a quanto sta accadendo. C’è un attimo di silenzio e poi Sandra Milo esplode in una fragorosa risata e spiega che è tutto uno scherzo al quale entrambi i conduttori sono cascati. A quel punto, è Geppi Cucciari a sbottare in diretta e a dare della deficiente all’anziana donna, simbolo a lungo della televisione e del cinema italiano.

Quanto accaduto non passa inosservato nemmeno in Rete: tantissimi si scagliano contro l’attrice per lo scherzo confezionato. Qualcuno ricorda come diverso tempo fa, la stessa Sandra Milo fu vittima di uno scherzo atroce in diretta, quando qualcuno la avvertiva che suo figlio fosse stato coinvolto in un incidente, poi rivelatosi un falso. Altri invece evidenziano come questo sia un comportamento biasimabile, peraltro proprio nel giorno in cui l’Italia ricorda le vittime del Coronavirus.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Trash Italiano (@trash_italiano)