Perché Barbara D’Urso non può nominare in tv programmi di Maria De Filippi

Secondo una recente indiscrezione Barbara D’Urso non avrebbe il permesso di nominare personaggi e programmi di Maria De Filippi.

Il 2021 non è iniziato nel migliore dei modi per Barbara D’Urso. La conduttrice Mediaset ha ricevuto da qualche settimana la notizia che il suo programma domenicale Live non è la D’Urso chiuderà i battenti in anticipo. Il motivo di questa chiusura anticipata è probabilmente dovuto agli scarsi riscontri di pubblico avuti in questa stagione dalla trasmissione. A dominare la scena la domenica sera rimane Non è l’Arena di Giletti, seguito da Che tempo che fa di Fabio Fazio.

A dare ulteriori dettagli sulla chiusura anticipata di Live non è la D’Urso è stato il sito specializzato in gossip e spettacolo ‘Dagospia‘. In questo infatti si legge che il programma non dovrebbe riprendere nemmeno a settembre: “La trasmissione non ripartirà neanche a settembre. A dimostrazione che la decisione del Comitato esecutivo di Mediaset, in cui troneggia il ‘big boss’ Pier Silvio Berlusconi, è ben ponderata e fa parte di una strategia più ampia che punta a rinfrescare la proposta editoriale, riducendo le ammuine da trash-pollaio”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche ->Barbara D’Urso, il gesto in diretta fa infuriare il pubblico: non doveva farlo

Barbara D’Urso non può parlare dei programmi di Maria De Filippi?

Ma Dagospia non si limita a svelare i piani di Mediaset su Live non è la D’Urso, rivela anche quello che sarebbe un divieto che la stessa emittente le avrebbe imposto su richiesta di Maria De Filippi. Secondo quanto rivelato dal sito, infatti, la conduttrice campana non potrebbe parlare dei programmi della collega, né utilizzare per aumentare i propri ascolti personaggi e storie tratti da essi.

Leggi anche ->Brando Giorgi, chi è l’attore romano: età, carriera, moglie, vita privata

Ecco cosa scrive Dagospia a riguardo: “Maria De Filippi ha chiesto e ottenuto da Mediaset una clausola nel suo contratto che proibisse alla D’Urso di trattare i temi dei suoi programmi e di sfruttare i personaggi delle sue trasmissioni. Una separazione netta”. Rivelazione a cui viene aggiunto in seguito un commento irriverente: “Per la serie: resta pure nel tuo trash-salotto ma non mettere le mani sulla mia ‘roba’ “.