Miryea Stabile, il dramma del bullismo: cosa le è successo in passato

Miryea Stabile, famosa grazie a La Pupa e il Secchione, ora è naufraga all’Isola dei Famosi, ma non è sempre stato tutto rose e fiori

Miryea Stabile

La giovane e bella Miryea Stabile, 23 anni, è diventata famosa grazie alla sua partecipazione al programma televisivo La Pupa e il Secchione 2021, condotto da Andrea Pucci su Italia 1 e che ha vinto a furor di popolo. La rivelazione della stagione è stata addirittura definita come “la nuova Franceca Cipriani”. Come avrà preso questo paragone Miryea Stabile? “Adoro Francesca e avendo avuto modo di conoscerla durante il programma ho potuto apprezzarla ancora di più come persona. Sono felice anche se io e Francesca siamo due persone diverse, ognuna con il proprio carattere e la propria vita. Ho notato però che abbiamo delle affinità. È molto solare ed estroversa come me“. Ora però Miryea ha deciso di smettere i panni da pupa per indossare quelli da naufraga. Infatti la vedremo nell’edizione 2021 del programma condotto da Ilary Blasi su Canale 5, L’Isola dei Famosi, che si terrà in Hoduras. Miryea è davvero entusiasta di cominciare questa avventura e ha deciso di condividere le sue emozioni con i fan, pubblicando un post sul suo profilo Instagram.

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Miryea✨ (@miryeastabile)

Il triste passato di Miryea Stabile

Sebbene Miryea Stabile abbia sempre dato l’impressione di essere una ragazza molto solare e gioviale, amata da tutti, durante lo show La Pupa e il Secchione abbiamo scoperto che non è sempre stato così. Infatti, durante il programma Miryea ha legato con la secchiona Giulia Orazi, e le due sono arrivare a farsi confidenze su un tema difficile: il bullismo. A tal riguardo, la nuova naufraga ha detto: “Abbiamo stretto un ottimo rapporto. […] Veniamo da mondi diversi ma abbiamo trovato un punto di incontro. Da più piccola a scuola avevo l’assistente di sostegno in quanto affetta da un disturbo di apprendimento. I miei compagni di classe mi prendevano di mira lanciandomi addosso cartacce o insultandomi. In un primo momento è stato difficile perché mi ero tenuta tutto dentro. Poi ho deciso di parlarne con i miei genitori, in particolare con mia mamma perché vivevo con lei. Dopo due anni decise assieme a mio padre di cambiarmi di classe“.

miryea-stabile