Benno Neumair, gli audio choc della mamma: era terrorizzata da lui

Laura Perselli aveva paura di suo figlio: Benno Neumair aveva gravi problemi psichici. “So che gli serve affetto ma quando perde il controllo…”.

Benno Neumair
Benno Neumair Foto dal web

Benno: un nome che tutta Italia ha imparato a conoscere, e per motivi tristi. Il giovane ha ucciso i genitori, Peter Neumair e Laura Perselli, liberandosi dei loro corpi. Il tutto senza alcun rimorso, in base a quanto trapela dalle indagini ancora in corso disposte dalla Procura di Bolzano. Il giovane ha strangolato prima l’uomo e poi la donna, subito dopo che quest’ultima era tornata a casa scoprendo cosa fosse accaduto.

Leggi anche –> Cosa voleva fare lui dopo avere ucciso i genitori

Poi ne ha gettato i corpi nelle gelide acque del fiume Adige, da dove è emerso, dopo settimane di ricerche, solamente il cadavere di Laura. Della vicenda ha parlato in maniera approfondita ‘Chi l’ha Visto’. La trasmissione di Rai 3 ha mostrato diversi aspetti inediti, come la conversazione tra Benno ed una amica e poi anche con sua sorella Madè. Entrambe le ragazze erano ignare di cosa avesse fatto lui e Madè stessa gli chiede di giurare di essere estraneo a quanto accaduto ai loro genitori.

Leggi anche –> Confessione choc di Madè: “Trovavo le siringhe”

Benno, il botta e risposta con la sorella Madè: “Giura che non sai niente”

Colpisce la risposta stizzita del 30enne. Lui scrive:

“Non mi provocare”

Sua sorella gli risponde:

“Perché, se ti provoco cosa succede?”

E l’omicida replica:

“Succede che la famiglia è rotta”

Madè risponde senza farsi intimorire

“La famiglia è rotta comunque perché molto probabilmente la mamma e il papà non ci sono più, forse è successo qualcosa di brutto”

Poi lui tira in ballo un prestito fatto dal papà e dalla mamma ad alcuni amici di famiglia. E discute con sua sorella: “Sono più di 20mila euro”. Ma Madè lo smentisce: “In realtà sono soltanto 6mila, non è questa gran somma”. E Benno cerca di sviare le attenzioni da sé, parlando di “mariti meridionali dei quali non ci si può fidare”.

Leggi anche –> Madè Neumair, parla la sorella di Benno: “Lo sapevo, non credo al suo pentimento”

Lui aveva derubato una amica simulando un pestaggio subito

C’è anche un altro aspetto controverso del quale parla ‘Chi l’ha visto’. Riguarda un furto compiuto da Benno ai danni di Nadine, una ragazza con la quale stava uscendo. Il 30enne, per nascondere il fatto di averle sottratto di nascosto dei soldi dalla carta di credito, si autoinfligge delle ferite e si inietta del sangue sotto agli occhi, per simulare un pestaggio. Colpisce poi anche quanto affermato da Laura Perselli ad una amica. La donna, che presto sarebbe morta per mano del suo stesso figlio, confida ad una amica l’inquietante episodio delle lesioni autoinfertesi da solo. E dice di avere paura di lui.

Leggi anche –> Lui ha confessato, come e perché ha ucciso i suoi genitori: i dettagli

Il racconto di Laura Perselli: “Inconcepibile lasciare Benno in libertà”

“Sei poliziotti col mitra lo hanno fermato e l’hanno portato in psichiatria per una schizofrenia paranoide. Però è libero di uscire, è pazzesco che consentano questo”. Parole di una spaventatissima Laura Perselli. La quale spiega che lei ed il marito volevano dormire chiusi in camera mentre il figlio chiedeva loro di potere stare nella stessa camera di notte. “So che ha bisogno di affetto, ma quando perde il controllo fa paura”. La donna dice all’amica di avere nascosto i coltelli, augurandosi che non accada nulla “perché, quando non provocato, resta normale”.

Leggi anche –> Madé Neumair, chi è l’altra figlia dei Neumair 

Il furto al dentista e delle chiavi dell’auto

In un’altra circostanza, Laura Perselli riferisce apertamente di avere paura di suo figlio, nonostante una terapia. “Ruba anche delle cose e si autoconvince di essere nel giusto”. Ma non è tutto. C’è un dentista che afferma che Benno gli abbia rubato della lodocaina nel corso di una visita e di come Laura e Peter non volessero dargli l’auto, fino al punto di nascondere la chiave.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

La sera della sparizione di entrambi, il loro figlio era però al volante proprio della Volvo che non gli era consentito guidare. Una prova evidente, per gli investigatori, del fatto che lui abbia agito con la forza per ottenere le chiavi di quel veicolo, utilizzato per trasportare i cadaveri dei genitori fino al fiume.

Foto dal web