Marco Truffi morto da un anno e mezzo: nessuno ha avvisato la famiglia

Marco Truffi, ex operaio di Urbino, è morto un anno e mezzo fa in Germania. Nessuno però ha pensato ad avvisare la famiglia.

Lo hanno cercato per un anno e mezzo, nutrendosi giorno dopo giorno della speranza che Marco potesse aver deciso autonomamente di far perdere le sue tracce e che un giorno si sarebbe fatto vivo. La sua famiglia ha anche lanciato un disperato appello a ‘Chi l’ha visto?‘, nel qualche chiedevano a chiunque avesse informazioni di contattare loro o il programma. Della disperata ricerca della famiglia Truffi è venuto a conoscenza il sindaco di Vallefoglia, Palmiro Ucchielli.

Conoscendo personalmente la famiglia, il sindaco ha deciso di effettuare una ricerca, al fine di scoprire se ci fossero atti ufficiali riguardanti le sorti di Marco Truffi. Secondo quanto riportato dal Resto del Carlino dalla ricerca avrebbe scoperto che il 44enne era morto il 7 settembre del 2019 ad Amburgo (Germania). La notifica del decesso sarebbe giunta all’anagrafe di Vallefoglia il 5 febbraio del 2020 dal comune di Urbino, dove era giunta dal consolato italiano in Germania. Insomma del decesso dell’uomo sarebbero state a conoscenza diverse persone già da oltre un anno, ma nessuno di questi ha pensato di avvertire la famiglia, la quale doveva essere la prima a conoscere la tragica notizia.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche ->Madre e figlia, la passeggiata con la piccola di soli 3 anni è un incubo

Marco Truffi: la famiglia vuole risposte

Una volta appresa la tragica notizia e la grave dimenticanza, Palmiro Ucchielli avrebbe dunque comunicato ai familiari di Marco quanto successo un anno e mezzo prima. Una sommaria ricostruzione degli ultimi anni di vita viene riportata sulle pagine del Resto del Carlino. Da queste apprendiamo che l’ex operaio aveva vissuto degli anni complicati e che aveva trascorso un periodo di tempo in una comunità terapeutica. Una volta uscito aveva deciso di lasciare la sua terra per trasferirsi in Germania.

Leggi anche ->Sparatoria ad Atlanta: la furia omicida fa almeno 8 vittime

Nessuno sapeva cosa ci fosse andato a fare, come si mantenesse e con chi stesse. Non si hanno notizie nemmeno sulla causa della morte, sulle eventuali indagini svolte in Germania e sul luogo di sepoltura della salma. Attualmente è noto solamente che è morto il 7 settembre 2019 ad Amburgo. Motivo per cui i familiari, gli stessi che hanno rivolto l’appello a ‘Chi l’ha visto?’ adesso cercano risposte.