Caso Astrazeneca, Speranza: “C’è fiducia, aspettiamo la risposta dell’Ema”

Il ministro della Salute, Roberto Speranza, è tornato a parlare dopo il caso Astrazeneca: il suo punto di vista per il futuro

Speranza vaccini

Il caso Astrazeneca ha messo in apprensione milioni di persone con lo stop dei vaccini, ma l’Italia è fiduciosa come ha svelato pochi minuti fa lo stesso ministro della Salute, Roberto Speranza, durante l’audizione delle Commissioni riunite Affari sociali di Camera e Senato. Tutto sarà più chiaro a partire dalle prossime ore per il via libera da parte dell’Ema: “Il governo italiano considera i vaccini la prima vera chiave per voltare definitivamente pagina. Non viene incrinata la nostra fiducia, la campagna di vaccinazione va avanti e dovrà essere sempre più veloce con l’aumento delle dosi che avremo a disposizione”. Poi ha aggiunto: “Domani potrebbe esserci già una risposta dall’Ema. Abbiamo massima fiducia e pretendiamo il massimo livello di sicurezza”.

Leggi anche –> Vaccino AstraZeneca sospeso: che deve fare chi ha già fatto la prima dose

Leggi anche –> AstraZeneca, l’Ema chiarisce: “Nessuna prova su vaccino causa trombosi”

Caso Astrazeneca, gli interventi svelati da Speranza

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Lo stesso ministro della Salute ha rivelato quali normative potrebbero esserci: “Nelle prossime ore stiamo lavorando a due interventi a livello di norme, ossia qello di favorire l’impegno di farmacie e di infermieri nella campagna di vaccinazioni per favorirne l’accelerazione”. Infine, ha rivelato come La situazione non è affatto semplice anche per quanto riguarda le numerosi varianti. La britannica si trasmette più velocemente del 35-40% e ha toccato il 54% della totalità dei casi. Sono presenti anche quella sudafricana, in particolar modo nell’area di Bolzano, e quella brasiliana soprattutto nel Centro Italia. Con l’ingresso in zona rossa speriamo di piegare la curva”.

Vaccino astrazeneca