Morto Ronald DeFeo: il killer aveva ispirato “The Amityville Horror”

Morto Ronald DeFeo. La follia di questo killer aveva ispirato il film “The Amityville Horror”. Scopriamo di più sulla sua storia. 

Ronald De Feo Jr. è morto mentre si trovava nel carcere di Sullivan, a Fallsburg (New York). Aveva 69 anni e stata scontando gli ergastoli per aver ucciso i genitori e i 4 fratelli.

La storia di questo assassino aveva ispirato anche una serie di film come “The Amityville Horror” e “The Amityville Possession“. Il nome di DeFeo divenne molto conosciuto intorno alla metà degli anni ’70 ma ancora oggi molte persone si ricordano di lui e dei suoi crimini.

Morto Ronald DeFeo: il killer di Amityville che aveva massacrato la famiglia

Era il 1974 quando il nome di DeFeo divenne tristemente famoso. A quei tempi aveva solo 23 anni, ma perpetrò un massacro che ancora oggi molti si ricordano. Il 13 novembre decise di uccidere tutta la sua famiglia a colpi di fucile. Suo padre, sua madre, i suoi due fratelli e le sue due sorelle morirono sotto i colpi di un fucile Marlin calibro 35.

Leggi anche -> Serial killer a Milano: 5 donne uccise dalla stessa mano, svolta nelle indagini

A quei tempi la famiglia abitava in una villa in stile coloniale olandese sul lungomare di Amityville, a Long Island. I corpi delle vittime vennero ritrovati a faccia in giù mentre si trovavano nei loro letti. Ai genitori inflisse due colpi, mentre ai fratelli solo uno.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La casa venne acquistata un anno dopo da una coppia. George e Kathy Lutz abbandonarono però l’abitazione dopo soli 28 giorni. La causa fu attribuita a fenomeni paranormali: “strani suoni, voci e melma verde che trasudava dai muri”. La vicenda ispirò anche un romanzo e un film.

Leggi anche -> Lucia Raso, ragazzo e coinquilini si accusano a vicenda: incidente o omicidio?

In tutto ciò DeFeo aveva cercato in tutti i modi di convincere la giuria della sua pazzia. In base alle sue parole, l’abuso di droga gli aveva fatto credere che la famiglia stesse complottando contro di lui. Durante un’intervista risalente al 2006, l’uomo disse che il suo gesto era nato dagli abusi subiti. In più, anche una delle sue sorelle avrebbe partecipato agli omicidi. All’epoca i genitori avevano 43 anni, le due sorelle 18 e 13 anni, mentre i due fratelli 12 e 9 anni.