Lutto nel giornalismo: è morta Isabella Mezza, storico volto Rai

Si è spenta a causa di una malattia contro cui combatteva da tempo la giornalista Isabella Mezza, conosciuta soprattutto per la sua attività in Rai. 

E’ morta nelle prime ore di questa mattina Isabella Mezza, storica giornalista Rai e professionista dalla cultura poliedrica. Gravemente malata da tempo, ma sempre in prima linea sul campo umano, sociale e professionale, la lascia un vuoto enorme nel panorama giornalistico e della comunicazione nazionale.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

L’identikit di Isabella Mezza

Nata il 28 aprile 1948 a Firenze e romana d’adozione, due lauree – una in lettere e l’altra in sociologia a Roma – con corsi di specializzazione in Arte Musica Spettacolo, Sociologia delle Comunicazioni e Semiotica, Isabella Mezza era giornalista professionista dal 1994. Nel 1984 aveva iniziato a collaborare alle pagine culturali di quotidiani e periodici. La sua lunga e variegata attività giornalistica l’ha vista impegnata in programmi Rai in ambito radio-televisivo.

Leggi anche –> Valeria D’Esposito, muore prematuramente la nota giornalista FOTO

Membro del Comitato di redazione del TG3, Isabella Mezza curò e condusse le rubriche del TG3 “On the road”, “L’edicola”, “Il Dubbio”, “Omnibus”, “Telesogni” e ”Shukran”, sulle tematiche dell’immigrazione, della solidarietà e dell’interculturalità, oltre a diversi spazi dedicati alla salute e all’universo femminile. Le sue recensioni sono state pubblicate su cataloghi d’arte e di rassegne teatrali (“Parola Italiana” di Paolo Portoghesi, “Anni ’80” con testi di Mario Fortunato e Achille Bonito Oliva, ”Festival di Santarcangelo dei Teatri d’Europa, Festival di Polverigi, di Sirolo ed altri).

Isabella Mezza era inoltre docente del master in Critica Giornalistica presso l’Accademia Nazionale “Silvio d’Amico”, e assidua fu anche la sua partecipazione come relatrice e curatrice a numerose conferenze e incontri culturali. I funerali si svolgeranno domani, mercoledì 17 marzo, alle ore 16 presso la chiesa di Santa Maria in Trastevere a Roma, con tutte le restrizioni del caso data l’emergenza Covid.

Leggi anche –> Renato Moro, il giornalista è morto a 60 anni: fatale un malore