Gian Piero Gasperini, chi è la moglie Cristina: età, foto, lavoro, vita privata

L’allenatore dell’Atalanta Gian Piero Gasperini ha portato la sua squadra in alto dopo un periodo di stenti. Ma chi ha rubato il cuore di Gasperini?

L’allenatore dell’Atalanta Gian Piero Gasperini ha riportato la squadra in alto, dopo un periodo difficile ed è riuscito ad annettere il team nell’Olimpo dei big del calcio italiano, assieme ai big e per questo ha vinto la Panchina d’Oro. Grazie a Gasperini l’Atalanta ha conquistato per ben due volte un posto in Champions League, inoltre. Ma non è tutto oro quel che luccica e il nome dell’allenatore è tornato tra le chiacchiere e i gossip perché accusato di essere parzialmente responsabile di attriti interni al team.

Gian Piero Gasperini, chi è la sua dolce metà

Nonostante l’allenatore, di cui si vociferano anche le possibili dimissioni, sia molto riservato riguardo alla sua vita privata e sentimentale, si conosce il nome e l’identità di sua moglie Cristina. I due sono sposati ormai da più di 20 anni e il loro matrimonio è felice e sembra andare proprio a gonfie vele, anche dopo tanti anni insieme. Cristina è un’insegnante che lavora in una scuola di Torino e che ha sempre seguito suo marito anche nelle prime fasi del suo lavoro.

Leggi anche–> Gascoigne, i momenti più folli sul campo da calcio – VIDEO

Gasperini ha sempre ribadito il forte legame che c’è tra i due e quanto l’opinione di sua moglie Cristina conti più di ogni altra cosa al mondo. Il rapporto tra i due si è consolidato sempre di più nel corso di questi venti lunghi anni di matrimonio, come ha sempre confermato l’allenatore di Grugliasco. Dal loro amore sono nati due figliDavide e Andrea.

Leggi anche–> Antonio Vanacore, l’ex calciatore morto di Covid a 45 anni

Alla vigilia del ritorno degli ottavi di Champions League, tra l’altro, Gasperini ha dichiarato: “Non possiamo pensare di poter battere il Real a tutti i costi: sarebbe presuntuoso da parte nostra. Vogliamo contenerli e proporci: giochiamo contro una delle squadre più titolate.”

gasperini