Vaccino, spreco dosi: ipotesi lista di riserva dalle Regioni

Per evitare che le dosi di vaccino vadano sprecate si sta pensando di far preparare delle liste di riserva alle regioni.

Ieri sera a Che tempo che fa, Fabio Fazio aveva ospitato il commissario straordinario per l’emergenza covid Francesco Paolo Figliuolo. Il conduttore aveva chiesto all’ospite come si sarebbe comportata la macchina istituzionale nel caso in cui le persone in lista avessero rifiutato di sottoporsi al vaccino e dunque ci fossero delle dosi in avanzo rispetto a quelle conteggiate.

Questo ha risposto senza pensarci un attimo: “Bisogna utilizzare il buonsenso: se ci sono le classi prioritarie che possono utilizzarlo bene, altrimenti si va su classi vicine o sennò su chiunque passa va vaccinato. Questo bisogna fare”. Insomma appare logico che se la pianificazione salta per qualsiasi motivo, bisogna essere liberi di agire in maniera sensata e non sprecare le dosi di vaccino.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche ->Vaccino Astrazeneca, perché è sicuro: la spiegazione dell’Aifa

Vaccino: per evitare lo spreco delle dosi si pensa alle liste di riserva

Chiaramente il buonsenso va applicato nell’organizzazione. Dovendo gestire un piano vaccinale immenso, infatti non si può prescindere da un’organizzazione certosina delle eventuali sostituzioni dell’ultimo momento. Quando, dunque, qualcuno che è inserito in lista si dovesse rifiutare di sottoporsi alla vaccinazione, per scegliere il sostituto ci dev’essere un criterio di prossimità. Ovvero, come spiegato, dal commissario prendere qualcuno dalle liste di priorità successive a quelle che sono attualmente chiamate alla vaccinazione.

Leggi anche ->L’annuncio di Locatelli: “Contagi giù dopo Pasqua”

Ma come fare a organizzare le “riserve“. Per decidere chi è il più prossimo e dunque colui che in ordine di necessità deve ricevere il vaccino, si sta pensando di chiedere alle Regioni di presentare una lista di riserva, dalla quale attingere alle sostituzioni e dunque ovviare alla mancata inoculazione del soggetto che si è rifiutato all’ultimo momento. Una decisione che permetterà a chi vorrà vaccinarsi di farlo con tempistiche più brevi e che soprattutto eviterà sprechi.