L’annuncio di Locatelli: “Contagi giù dopo Pasqua”

L’annuncio di Locatelli è stato accolto da tutti con sollievo. Dopo Pasqua si prospetta una discesa dei contagi. Ecco cosa c’è da sapere.

Il presidente del Consiglio superiore di sanità si è espresso sulla situazione attuale e sulle restrizioni imposte durante il periodo pasquale.

Durante l’intervista rilasciata a “Il Corriere della Sera”, il professore ha espresso molta fiducia nei vaccini e sulla loro copertura. Scopriamo che cosa ha detto.

L’annuncio di Locatelli: ecco qual è la sua opinione su vaccini

Il presidente del Consiglio superiore di sanità è fiducioso anche quando parla dei problemi insorti con il vaccino AstraZeneca. “(…) Non ho esitazione a dire che è indispensabile procedere con tutti gli approfondimenti necessari. In un Paese sanitariamente così evoluto come il nostro, quando arrivano segnalazioni di incidenti gravi o fatali devono essere messe in atto tutte le misure per capire le cause. Il ritiro precauzionale del lotto cui apparteneva la dose somministrata dimostra l’efficienza del sistema di farmacovigilanza”.

Leggi anche -> Tragedia Covid a Torino: positivo, scappa dall’ospedale e si suicida

Nonostante alcuni incidenti, Locatelli ricorda l’efficacia elevata di AstraZeneca. “Essendo superiore all’80% per tutte le manifestazioni di Covid-19 e si avvicina al 100% per la copertura delle forme gravi”, ha specificato il professore.

Altra menzione importante riguarda tutte le persone che si sono già sottoposte a questo vaccino e non hanno riscontrato alcun problema. Ennesima dimostrazione della sua efficacia e sicurezza.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La presenza delle varianti ha certamente contribuito a velocizzare la risalita della curva pandemica ma la copertura offerta dai vaccini offrirà certamente una copertura. “Un processo progressivo che troverà compiuta realizzazione solo tra alcuni mesi”, ricorda Locatelli.

Leggi anche -> Madre sconfigge il Covid ma muore per il cancro: vede il figlio un’ultima volta

Il professore non manca di citare il caso positivo della Sardegna. “E’ un modello da valorizzare, dimostra come si possa scendere sotto la soglia dei 50 casi ogni 100mila abitanti, ritenuta critica per garantire il tracciamento dei positivi”. Locatelli ha anche spiegato che la decisione di una stretta delle misure è volta a trovarsi in una situazione migliore dopo le vacanze. L’obiettivo degli interventi è sempre quello di tutelare la salute  senza dimenticare la crisi economico-sociale.