Terremoto Campi Flegrei, sciame sismico sin dal pomeriggio: la situazione

News Terremoto Campi Flegrei, la zona di Pozzuoli, da sempre interessata da fenomeni naturali anche di rilievo, investita da una serie di sismi.

Terremoto Campi Flegrei
Terremoto Campi Flegrei Foto dal web

Terremoto Campi Flegrei, la zona in provincia di Napoli trema già da alcune ore. A Pozzuoli un vero e proprio sciame è in atto dal pomeriggio di domenica 14 marzo 2021. Il primo evento è venuto fuori alle ore 16:47, quando i sismografi dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia ha registrato un primo fenomeno sismico.

Leggi anche –> Nuova Zelanda, terremoto magnitudo 7.3: rischio tsunami

In totale sono cinque le scosse di terremoto ai Campi Flegrei riscontrate nello spazio di neppure un’ora. Tutte quante comunque di bassa entità, essendo l’intensità riscontrata di 1,5° della scala Richter in media. In particolare è la zona a nord-est del vulcano Solfatara ad essere finita al centro di questi movimenti tellurici. La profondità media riscontrata è di 2360 metri. I residenti della zona, nonostante la bassa intensità dei terremoti, hanno sentito tutto quanto in maniera distinta. Non si registrano comunque danni di alcun tipo né a cose e costruzioni né tanto meno agli abitanti.

Leggi anche –> Giappone, tremendo terremoto magnitudo 7: cosa sta accadendo

Terremoto Campi Flegrei, qual è la situazione

È da più di un anno ormai che le apparecchiature dell’INGV vengono scosse in maniera pressoché costante da spostamenti della terra nel sottosuolo. Lo sciame dura da inizio 2020 anche se fino ad oggi non hanno mai avuto luogo eventi di natura distruttiva, per fortuna. E gli esperti geofisici e vulcanologi sono tranquilli sul fatto che la situazione debba restare sostanzialmente sotto controllo anche in futuro.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Terremoto Oceania: magnitudo 7,7 e forte rischio tsunami

Proprio quella zona è soggetta al cosiddetto fenomeno del bradisismo. Nel dettaglio la cosa riguarda uno spostamento della crosta terreste in una porzione di spazio circoscritta. Può assumere due direzione, rispettivamente dal basso verso l’alto o viceversa, dall’alto al basso. A seconda del tipo viene perciò detto bradisismo negativo o bradisismo positivo. Questi spostamenti avvengono su un arco di tempo lentissimo se paragonato sulla scala del tempo dell’uomo. Ma è molto veloce invece in ambito geologico.