Medico muore di cancro: l’ultimo regalo al figlio fa commuovere

Medico muore di cancro. Il suo ultimo regalo al figlio ha fatto commuovere tutti. Il genitore non ha mai smesso di pensare al figlio. 

Aria Nikjooy era un pediatra di Manchester ed era sposato con Naomi, un medico specializzando. La coppia aveva anche un figlio: Eliya. La loro vita procedeva come quella di molte altre famiglie inglese, ma tutto è stato sconvolto da una terribile diagnosi.

Nonostante il tumore al cervello e la successiva operazione, il medico era stato in grado di scrivere ben due libri per suo figlio. In essi affronta in modo comprensibile il tema della malattia nei genitori.

Medico muore di cancro: ha pensato a suo figlio fino all’ultimo

La diagnosi del tumore arriva quando Nikjooy ha solo 27 anni. Un intervento e successive sessioni di chemioterapia sembrano essere molto efficaci. In questo lasso di tempo, il medico era riuscito a scrivere il primo libro dal titolo: “Eddie and the Magin Healing Stone“. La pubblicazione a fine settembre ha permesso al medico di leggere la storia al figlio. Un momento dolce amaro che è rimasto impresso nei ricordi della moglie Naomi.

Leggi anche -> “E’ solo un’infezione virale”: poi la terribile diagnosi di tumore per il bimbo di 3 anni

Nikjooy non ha perso tempo e ha scritto un altro libro: “Eddie and the Last Dodo on Earth“. In questa seconda storia spiega l’importanza della famiglia. “Era nelle peggiori condizioni possibili ma era comunque motivato a scrivere libri per suo figlio” ha raccontato la moglie.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La prima diagnosi era arrivata dopo che il medico aveva sofferto di forti mal di testa ed era stato ricoverato per un’infezione a Settembre 2018. La massa era così estesa che dopo l’operazione dovette reimparare a scrivere, parlare, mangiare e camminare. Nonostante la situazione sembrasse migliorata, le sue condizioni peggiorarono nuovamente.

Leggi anche -> Grande Fratello choc, Lorenzo Battistello: “Ho avuto un tumore, vivo per miracolo”

L’idea dei libri nasce dalla necessità di dover spiegare il cancro al figlio. Avere a disposizione una storia avrebbe reso il tutto molto più facile. “Ho pensato che fosse un’idea grandiosa e l’ho incoraggiato. Sapevo che Eliyas l’avrebbe amato“, ha raccontato la vedova. Dopo altri interventi a Dicembre arrivò un’altra terribile notizia: il cancro si era esteso fino alla colonna vertebrale. Dal giorno della scomparsa i libri sono stati un grande aiuto per la donna che ha continuato a leggerli al figlio come faceva il marito.