Negozi aperti in zona rossa: l’elenco completo, ecco cosa potete fare

Quali attività commerciali resteranno aperte nelle regioni in zona rossa? Ecco la lista e le norme alle quali attenersi a partire dal prossimo lunedì. 

Negozi Natale

Gran parte dell’Italia chiude i battenti dal prossimo lunedì: solo la Sardegna è in bianco e, a parte le regioni classificate (per ora) in fascia arancione, tutto il resto è in zona rossa. Naturalmente non tutte le attività si fermeranno: ecco la guida ai negozi che troveremo aperti.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI 

Le regole dello shopping in zona rossa

In zona rossa il principio generale è che i negozi restano chiusi. Fanno eccezione solo le attività considerate “essenziali”. Aperti quindi i negozi di generi alimentari e tabaccherie, edicole, farmacie, parafarmacie, lavanderie, ottici, profumerie, erboristerie, cartolerie, negozi di intimo e di biancheria per la casa, ferramenta. Aprono le serrande anche i negozi per bambini, dai giocattoli all’abbigliamento. Quanto ai mercati, continuano l’attività solo quelli che vendono esclusivamente generi alimentari. Chiusi invece barbieri, parrucchieri, centri estetici, negozi di abbigliamento, calzature e gioiellerie. Ma sono possibili consegne e montaggio di mobili e consegne di oggetti acquistati prima delle restrizioni. I centri commerciali restano chiusi nel week-end, ma anche dentro la settimana ci si dovrà abituare alle aree “sbarrate” con la dicitura “non vendibile” sui prodotti non essenziali.

Leggi anche –> Zona Rossa, la polizia farà controlli a tappeto: il piano del Ministero 

Per quanto riguarda bar, ristoranti, gelaterie e pasticcerie, restano consentiti la consegna a domicilio senza limiti di orario e l’asporto fino alle 18 senza restrizioni e fino alle 22 per chi ha attività con cucina. Aperti invece autogrill, bar e ristoranti di ospedali e aeroporti. Per il mondo del commercio, ormai allo stremo, si prospetta uno scenario di “prognosi riservata”: 450mila imprese a rischio, con un destino incerto per 2 milioni di persone, dipendenti e non. A pagare il presso più altri sono bar, ristoranti, alberghi, parrucchieri, centri estetici, abbigliamento e ambulanti, attività culturali e di intrattenimento.

Leggi anche –> Pasqua in zona rossa, la deroga per la visita ai parenti: tutti i dettagli