Morte Raoul Casadei, lo straziante omaggio del figlio Mirko

La Morte di Raoul Casadei, il re del liscio è stato sconfitto dal Covid: lo straziante omaggio del figlio Mirko e del mondo dello spettacolo.

(screenshot video)

Si è spento oggi all’ospedale Bufalini di Cesena, dopo una battaglia contro il Coronavirus, il grande artista Raoul Casadei, massimo esponente mondiale del liscio. Aveva 83 anni e da una decina di giorni era stato ricoverato per problemi respiratori. Era emerso che il noto cantante aveva una polmonite bilaterale, ma al momento del ricovero i suoi familiari avevano tenuto a precisare che il re del liscio era entrato in ambulanza con le sue gambe.

Leggi anche –> Raoul Casadei è morto per covid: il re del liscio era ricoverato da settimane

Purtroppo, nel giro di qualche giorno le sue condizioni si sono rapidamente aggravate e oggi è avvenuto il decesso. Una morte la sua, che ha sconvolto il mondo della musica e dello spettacolo italiano. Raoul Casadei aveva di fatto sdoganato negli anni Settanta il liscio, rendendolo un genere amato e di consumo non solo in Italia.

Leggi anche –> Orietta Berti, la malattia del marito Osvaldo: “Ha perso 16Kg”, come sta ora

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Cordoglio nel mondo dello spettacolo per la morte di Raoul Casadei

Lo ricorda con queste parole il figlio Mirko, che ne ha raccolto da circa un ventennio l’eredità: “Gli artisti come Raoul non moriranno mai, rimarrà sempre vivo nella sua musica e nelle sue canzoni che viaggiano nell’aria e continuano a esistere”. Messaggi di cordoglio anche da Dario Franceschini, ministro della Cultura, che evidenzia: “E’ stato un musicista amato in tutto il mondo che, con energia e passione, ha fatto ballare intere generazioni portando la tradizione popolare nelle piazze e tra la gente”. Cordoglio anche da altri esponenti politici, come Matteo Renzi e la sottosegretaria alla Cultura, Lucia Borgonzoni.

Cordoglio e dolore viene espresso anche da Moreno Conficconi, noto come Moreno il Biondo, che con gli Extraliscio ha riportato quest’anno il liscio a Sanremo quasi 50 anni dopo la partecipazione di Raoul Casadei con la sua orchestra, nel 1974. Scrive Moreno il Biondo in uno straziante omaggio: “Stare al suo fianco è stato un onore e un privilegio”. Omaggia Casadei anche il trombettista jazz Paolo Fresu: “Se ne va prematuramente un pezzo di storia italiana. Una Italia felice e spensierata. Sono nato musicista con le sue polke e mazurke e ho avuto l’onore di conoscerlo e di essere amico dei suoi figli”. Grande vicinanza a Mirko Casadei e a tutta la sua famiglia anche da un altro figlio d’arte, Alberto Bertoli.

Io e Raoul che guardiamo il mare, è uno dei ricordi più intensi che ho, una cosa che quasi giornalmente facevamo quando…

Pubblicato da Extraliscio su Sabato 13 marzo 2021