Leonardo Mendolicchio, chi è lo psichiatra specializzato in disturbi alimentari

Leonardo Mendolicchio è uno psichiatra specializzato nei disturbi dell’alimentazione. Scopriamo di più su di lui.

Questa sera l’esperto sarà ospite  a “Fame D’Amore”. Il programma vedrà sempre al timone Francesca Fialdini e sarà incentrato sulla Giornata Nazionale del “Fiocchetto Lilla”.

Proprio questa ricorrenza è dedicata ai Disturbi Alimentari. Un problema che sta affliggendo sempre più persone e che è andato ad aggravarsi durante il periodo del lockdown. In questo puntata speciale del programma targato Rai 3 interverrà anche il dottor Mendolicchio. Ecco di cosa si è occupata durante la sua carriera.

Leonardo Mendolicchio, chi è: età, carriera e curiosità

Quella di Mendolicchio è senza dubbio una carriera brillante. Si è laureato in Medicina e Chirurgia a Foggia nel 2002 per poi specializzarsi in Psichiatria. Nel 2008 ha poi frequentato e completato con  successo il Master di secondo  livello in Psicofarmacoterapia nel 2008 all’università San Raffaele di Milano.

Leggi anche -> Sofia Viscardi, chi è la famosa youtuber e scrittrice: età, foto, video, carriera

Ad oggi è un medico psichiatra psicoanalista. Nella sua carriera ha diretto anche varie comunità terapeutiche come Villa Miralago. Proprio in questo caso Mendolicchio si è impegnato a rinnovare e rilanciare la struttura. Tra le sue esperienze si conta anche quella nei reparti di psichiatria per acuti e di ricerca in farmacologia epidemiolgica all’Istituto Mario Negri Sud.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Attualmente è Direttore del reparto di Riabilitazione DCA dell’Ospedale “San Giuseppe” – Piancavallo dell’Istituto Auxologico Italiano. Il suo lavoro è orientato alla diagnosi e cura dei disturbi psichici in adulti e adolescenti focalizzandosi sui Disturbi del Comportamento alimentare.

Leggi anche -> Rosalinda Cannavò rivive l’incubo dell’anoressia: “Pesavo 32Kg”

“I disturbi alimentari possono essere superati in due modi: il primo è slegare la vita del paziente con i rituali della malattia, separare l’identità personale dal cliché del disturbo alimentare; il secondo è legato al contenimento delle angosce sottostanti e al superamento del malessere sottostante il sintomo”, ha dichiarato lo psichiatra e psicoanalista.

Il suo intervento a “Fame D’Amore” sarà certamente interessante e ricco di spunti. L’episodio sarà prettamente incentrato sul rapporto tra giovani e cibo e sul ruolo che riveste la società proprio riguardo questo tema.