Galli spaventa tutti: “La terza ondata farà molti morti, serve vaccinare”

Massimo Galli, responsabile del reparto malattie infettive dell’ospedale Sacco di Milano, ha lanciato un nuovo allarme per il Coronavirus

Massimo Galli

Saranno altre settimane intense per milioni di italiani che dovranno così affrontare nuove restrizioni in vista di Pasqua. E così è tornato a parlare anche Massimo Galli, responsabile del reparto malattie infettive dell’ospedale Sacco di Milano, che ha svelato ai microfoni dell’Adnkronos Salute: “E’ fondamentale cercare di fermare una terza ondata, potente, che farà molti morti e che, in larga misura, è già partita”. Poi ha aggiunto: “Serve vaccinare, vaccinare, vaccinare. Soprattutto ora quando la pandemia sta di nuovo collezionando numeri importanti: ciò che importa sopra ogni cosa è proteggersi”.

Leggi anche –> Zona gialla, Massimo Galli: “Il pericolo è ancora molto alto”, il motivo

Per quanto riguarda il vaccino AstraZeneca ha rivelato: “Ha dato comunque una prestazione più che sufficiente per garantire una risposta immunitaria alla grande maggioranza delle persone giovani e sane o alle meno giovani ma in buona salute. Personalmente, se non l’avessi già fatto, e se mi avessero proposto oggi di fare il vaccino AstraZeneca, l’avrei fatto senza esitazione”.

Leggi anche –> Coronavirus, Massimo Galli: “Preoccuparsi per Pasqua e la terza ondata”

Galli, l’allarme lanciato: “Serve vaccinare”

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Al momento un lotto è stato sospeso e così Massimo Galli ha aggiunto: “Era prevedibile che ci fossero rinunce alla vaccinazione. Purtroppo questa vicenda è stata quanto di più intempestivo potesse capitare. Su 10 milioni di vaccinati con un qualsiasi vaccino  è praticamente certo che nell’arco dei 6 giorni successivi alla vaccinazione si verificheranno 6 decessi per morte improvvisa”. Infine, ha cercato di tranquillizzato tutti: “Sono 6 decessi che su 10 milioni di persone si verificano sempre, indipendentemente dal fatto che ci sia stato o no il vaccino”.

Galli Lockdown