Fabrizio Corona, la mamma Gabriella Privitera: “Perseguitato dai giudici”

La vicenda della revoca dei domiciliari a Fabrizio Corona e il suo gesto plateale, la mamma Gabriella Privitera: “Perseguitato dai giudici”.

(Instagram)

Tiene banco la vicenda giudiziaria di Fabrizio Corona  e la decisione del Tribunale di Sorveglianza di revocargli il differimento della pena ai domiciliari: l’ex paparazzo dei vip, al momento dell’arresto, ha dato in escandescenze commettendo anche degli atti di autolesionismo, il tutto ovviamente attraverso le Instagram Stories.

Leggi anche -> Fabrizio Corona, il ricovero in Psichiatria: quali sono le sue condizioni oggi

Si trova adesso nel reparto di psichiatria2 dell’ospedale Niguarda di Milano, piantonato e vigilato costantemente. La paura principale è che possa nuovamente dare in escandescenze o compiere un gesto estremo. Intanto, da ieri a detta dei suoi legali ha iniziato uno sciopero della fame e della sete e chiede di essere convocato da Giovanna Di Rosa, presidente del Tribunale di Sorveglianza di Milano.

Leggi anche -> Fabrizio Corona, sciopero della fame e della sete in ospedale

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

L’appello di Gabriella Privitera, mamma di Fabrizio Corona

(screenshot video)

Oggi intanto ha rotto il silenzio sulla vicenda Gabriella Privitera, la mamma dell’ex paparazzo dei vip, la quale su Instagram – attraverso il profilo del figlio – ha lanciato una dura invettiva. Si è rivolta al figlio, evidenziando: “Per la prima volta dopo tanti anni ti ho visto cambiato. Certo ancora i gravi problemi legati alla tua patologia sono da debellare del tutto”. Poi è andata giù pesante: “Ma per i cittadini che in questa Italia cercano una giustizia giusta io dico che mio figlio è un perseguitato da un tipo di magistratura bigotta e priva di qualsiasi segno di sensibilità umana”.

Gabriella Privitera ha quindi lanciato un appello sempre via social: “A nome di tutte le madri che hanno i figli perseguitati io chiedo che questo abuso di potere finisca. Il mio onore di cittadina che credeva nella giustizia è stato trafitto da una lama piena di veleno e cattiveria. Che Dio ci aiuti affinché la giustizia possa vincere sull’arroganza di chi non è in grado di capire”. Decine e decine i commenti al post della madre di Corona, di persone comuni che manifestano nei confronti di lei e del figlio massima solidarietà.