Cristiano Ronaldo, la replica alle critiche: “Nella vita conta rialzarsi”

Dopo l’eliminazione dalla Champions League della Juve per mano del Porto, critiche a Cristiano Ronaldo, che replica: “Ecco cosa conta”.

(Valerio Pennicino/Getty Images)

Una domenica è un totem da rispettare, due giorno dopo è la causa di tutti i mali della Juventus: la carriera di Cristiano Ronaldo da quando è in bianconero è sempre stata fatta di luci e ombre. Non solo. Attorno a lui, alla sua figura, ai costi del suo ingaggio, si è creato un polverone e se lo scorso anno l’uscita dalla Champions League contro il Lione non era stata presa come una batosta, anche per via del Covid, in questo momento alla Juve è vista come un totale fallimento.

Leggi anche –> Juventus, Pirlo criticato: futuro in bilico, tutta la verità con Agnelli

E l’unico responsabile di questo fallimento, che finisce dritto dritto sul banco degli imputati, è il fuoriclasse portoghese. Una prestazione mediocre sicuramente la sua, i tifosi e gli appassionati di calcio non hanno torto. Ma non sempre si può avere la lucidità di risolvere la situazione da solo e togliere le castagne dal fuoco a una squadra che quest’anno finora non ha espresso bel calcio, salvo rare eccezioni.

Leggi anche –> Cristiano Ronaldo, si lavora per la cessione: “Questa la sua prossima squadra”

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Lo sfogo di Cristiano Ronaldo: così replica alle critiche

Cristiano Ronaldo con la Juventus

Non dimentichiamo che i risultati “da incorniciare” sono arrivati contro un Barcellona che è evidentemente la brutta copia del team stellare di qualche anno fa e contro l’Inter di Conte in Coppa Italia, coi nerazzurri un po’ troppo remissivi e piegati da due clamorose ingenuità. Di certo non può farne le spese soltanto Cristiano Ronaldo, che pure quest’anno ha già realizzato 20 gol in campionato e 27 complessivi in 32 presenze. In ogni caso, il calciatore portoghese è apparso l’elemento sacrificabile e oggi ha scelto Instagram per sfogarsi: “Più importante del numero di cadute che fai nella vita, è quanto velocemente e quanto forte ti rimetti in piedi… I veri campioni non si rompono mai!”.

Ha così ricordato che gli obiettivi restano il campionato, dove la Juventus insegue l’Inter dieci punti più avanti e domani sfida il Cagliari in trasferta, e la finale di Coppa Italia contro l’Atalanta. Quindi ha elogiato sé stesso e la sua lunghissima carriera, che compie il prossimo anno vent’anni tra i professionisti: “È vero che il passato appartiene ai musei (direi!), Ma per fortuna il calcio ha memoria… e anch’io! La storia non può essere cancellata, è scritta ogni singolo giorno con resilienza, spirito di squadra, tenacia e tanto duro lavoro. E quelli che non lo capiscono, non raggiungeranno mai la gloria e il successo”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Cristiano Ronaldo (@cristiano)