Confessione choc della sorella di Benno Neumair: “Trovavo le siringhe”

Arriva la confessione choc  della sorella di Benno. Quello che ha detto ha lasciato tutti a bocca aperta. Ecco le sue dichiarazioni.

Dopo la confessione di Benno Neumair arriva anche il racconto della sorella. Nelle ultime settimane c’è stata una svolta nel giallo sull’omicidio della coppia di Bolzano. Dei due coniugi si erano perse le tracce a inizio gennaio, ma i sospetti erano ricaduti fin da subito sul figlio Benno.

Nel corso degli interrogatori, il giovane avrebbe ammesso le proprie responsabilità, dettagliando anche i fatti. Ora a parlare è la sorella Madè.

Confessione choc della sorella di Benno Neumair: ecco com’era il loro rapporto

“Siamo sempre stati una famiglia molto unita e il rapporto tra me e mio fratello era molto buono fino a dieci anni fa”, ha detto la giovane. La testimonianza rilasciata agli inquirenti è stata ripresa a “Chi l’ha visto” e poi riproposta a “Storie Italiane”. La Neumair si è dilungata a spiegare le cause dei dissidi familiari che sarebbero iniziate anni fa. Ecco cos’ha detto:

Leggi anche -> Lucia Raso, ragazzo e coinquilini si accusano a vicenda: incidente o omicidio?

“Quando Benno ha iniziato a fare uso di proteine in polvere e ormoni, il suo carattere ha cominciato a cambiare. Da medico posso dire che tali sostanze possono provocare un cambiamento della personalità. Vanno prese su prescrizione medica, ma lui si è sempre fatto da sé ricette false e tutti in famiglia eravamo contrari”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Queste sembrano essere le cause delle continue tensioni e liti in famiglia. Sempre da quanto riporta la sorella, Benno sarebbe anche arrivato al punto di interrompere i contatti con la famiglia per un anno. “Abbiamo poi saputo che era andato a vivere dalla nonna, in una stanza della sua casa”, ha raccontato la sorella.

Leggi anche -> Natalia Dimitrova Beliova, chi è la badante morta per salvare due anziani

“Per anni benno smentiva puntualmente di fare uso di farmaci, ma in bagno io avevo trovato delle siringhe“. Parole forti che fanno capire quanto la situazione fosse esasperante e pesante. Ad oggi le indagini continuano per capire se Neumair abbiamo o meno premeditato il delitto.