Chiede aiuto in videochiamata all’amica, il gesto in codice le salva la vita VIDEO

Una donna vittima di violenza domestica nel corso della quarantena ha chiesto aiuto a un’amica con un messaggio in codice: vediamo qual è il gesto da fare in caso di emergenza.

Durante il lockdown imposto dall’emergenza Coronavirus, dati e statistiche alla mano, gli episodi di violenza domestica sono aumentati in modo sensibile. Tra i tanti i casi c’è quello di una donna che, volendo sottrarsi ai soprusi quotidiani di cui era vittima, ha chiesto aiuto a un’amica in una videochiamata tramite un messaggio in codice. La donna ha fatto finta di condividere con la sua interlocutrice una ricetta, ma il vero motivo di quella chiamata era un altro. Dietro di lei, nel video, si vede il marito sempre presente ma ignaro dell’escamotage ideato dalla donna per liberarsi da una prigionia ormai insostenibile.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI 

Il gesto con la mano che può salvare la vita

Nel bel mezzo della conversazione, la poveretta ha fatto un gesto con la mano destra, aprendo il palmo in favore della telecamera, poi piegando il pollice al suo interno e stringendo il pugno. Si tratta di un gesto che indica una situazione di pericolo e una richiesta di aiuto. Per fortuna la donna, grazie a quel “trucco”, ha potuto essere tratta in salvo perché l’amica ha immediatamente provveduto a chiamare le autorità che sono intervenute mettendola al sicuro dal suo aguzzino.

Leggi anche –> Violenza domestica a Giarre, bimbo di 10 anni salva la madre

Il video che riprende quanto accaduto (vedi sotto) è molto importante perché mostra come quel disperato gesto di richiesta di aiuto abbia consentito alla donna di fuggire dal suo peggiore incubo e salvarsi la vita. In caso di violenza in famiglia, specie in tempi di lockdown e isolamento domestico, è sempre necessario allertare le forze dell’ordine e individuare una persona di fiducia: prestare la massima attenzione a ciò che si fa e cercare di dirigersi immediatamente verso l’uscita dell’abitazione è l’unica vera via di fuga in simili circostanze.