Zingaretti non molla con l’alleanza, presentata la giunta con i 5s

Regione Lazio, Zingaretti presenta la nuova giunta con il M5s: “Novità storica. “In maggioranza forze diverse, ma combattono unite”

Governo M5S PD
Di Maio e Zingaretti – FOTO: viagginews

Nicola Zingaretti si è dimesso dalla segreteria del Pd ma non cambia idea sul percorso dell’alleanza tra Pd, 5s e Leu. L’ex segretario ha, infatti, aperto all’ingresso nella giunta regionale del Lazio a due componenti del Movimento 5s. Si tratta di Roberta Lombardi, alla Transizione Ecologica e Trasformazione Digitale, e Valentina Corrado, al Turismo, Enti locali e Semplificazione, presentate alla stampa: “Le forze politiche che sostengono questa nuova maggioranza rimangono diverse – ha dichiarato Zingaretti alla presentazione della nuova giunta regionale del Lazio -, non si annullano le proprie identità ma si combatte uniti. Alla politica i cittadini chiedono idee, coesione, impegno, onestà e anche  unità. L’accordo con il M5s nasce alla luce del sole sulla base di un programma, grazie al coraggio di tutti di fare un passo in avanti. L’esito è una politica più credibile e un Lazio più forte”.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Zingaretti prosegue con il M5s, gli scenari

Questo ingresso confermato apre a scenari non proprio certi e fermi nel Partito Democratico. L’idea di sostituire Zingaretti con Enrico Letta alla segreteria del partito non cela l’intenzione dell’area che sosteneva l’ex segretario a proseguire con il progetto politico di alleanza con la coalizione del governo Conte bis. Lo stesso Letta aveva sposato l’intenzione del Pd di proseguire anche dopo la caduta del governo Conte 2. Ora, l’ingresso dei 5s nella giunta guidata da Zingaretti conferma la volontà di respingere le resistenze della minoranza del Pd contraria all’alleanza con il M5s.

Leggi anche > Vaccini, il premier fissa l’obiettivo

Le dimissioni di Zingaretti dalla segreteria non sono affatto un passo indietro verso un progetto politico iniziato con il secondo governo Conte. Tuttavia, gli scenari interni non sono tutti prevedibili. Nel breve Letta subentrerà con ogni probabilità a Zingaretti e confermerà la linea del suo predecessore. Nel medio e lungo termine bisogna capire come reagirà la minoranza contraria all’alleanza con il M5s.

Leggi anche > Vaccini ai giornalisti, Mentana non ci sta

Nicola Zingaretti
Nicola Zingaretti