Totti a tutto tondo: intervista di fuoco, da Ilary all’addio al padre

Totti: “Ilary, 6 unica”. Francesco senza filtri sulla moglie, il Covid e il padre. L’ex calciatore sottolinea l’importanza della moglie nella sua vita

Totti e Ilary

Intervista a tutto tondo di Francesco Totti a Walter Veltroni pubblicata su 7, inserto del Corriere della Sera. L’ex capitano della Roma ha parlato di tutto, dall’avventura del Covid, alla perdita del padre fino al ruolo della moglie Ilary che definisce unica per avergli fatto capire fino in fondo il valore della famiglia. L’ex campione della Roma ha iniziato partendo dal Covid, malattia contro la quale ha dovuto lottare: “È stato abbastanza aggressivo, con me. Ho avuto una polmonite bilaterale, febbre a quaranta, tosse continua ed ero stanco, non avevo fame. Sono stati ventiquattro giorni molto duri”. Totti avrebbe dovuto ricoverarsi per i sintomi che aveva. La saturazione era bassa. “Però ho rifiutato. Avevo paura, per quello che era successo a mio padre due mesi prima. E allora ho cercato di stare il più possibile a casa ed andare avanti a cortisone, antibiotici, eparina. Con i farmaci sono riuscito ad uscirne, ma è stata veramente dura, anche perché dopo i primi dieci giorni da contagiato, non vi era traccia di miglioramento”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!

Totti si racconta

Il Covid si è portato, però, via il papà di Francesco, in due mesi. Una perdita grave e dolorosa: Penso che ogni figlio coltivi il timore della perdita del padre. È una figura molto importante, dà sicurezza. Insegna e rassicura, guida e accompagna. Ora lo misuro da padre. Ora Mi sento catapultato in prima fila, con le spalle meno coperte”.

Leggi anche > L’ex campionessa Vezzali sottosegretario allo sport

Poi passa al grande amore della sua vita, il suo riferimento, la moglie Ilary: “In casa mia il capo dovrei essere io, ma in verità è Ilary… In casa dei miei, mia madre era il leader di famiglia: un sergente; un tedesco”. Totti sottolinea il ruolo che ha avuto nella sua vita, grazie a Ilary è cambiato in meglio, un percorso lento ma progressivo: “Sì, Ilary oltre a essere mia moglie e la mamma dei miei figli, è una donna straordinaria: una ragazza semplice, di buona famiglia, con valori, rispetto degli altri. Una persona che in qualsiasi momento è sempre presente, mi ha fatto crescere in tutto e per tutto. Ti dico la verità, senza di lei non sarei riuscito in questo modo, a livello familiare. Quello che le scrissi sulla maglietta il giorno del derby è vero: “sei unica”.

Leggi anche > Luna Rossa, chi è il timoniere palermitano

Francesco Totti col padre Enzo